A- A+
Milano

Su una delle auto nella disponibilità di Claudio Grigoletto, in custodia cautelare in carcere per l'omicidio di Marilia, a Gambara (Brescia), i carabinieri del Ris avrebbero trovato tracce del sangue della vittima. Il Ris per tutta la giornata di ieri ha analizzato la scena del crimine, l'ufficio della Alpi aviation do Brasil a Gambara; poi le analisi si sono concentrate su tre auto poste sotto sequestro, quella della vittima e due del presunto omicida.

 

Intanto Claudio Grigoletto resta in custodia cautelare in carcere perché "ha dimostrato una totale assenza di scrupoli nel porre in essere un’azione criminosa gravissima e violenta, in danno ad una giovane donna incinta, peraltro debilitata dalla difficile gravidanza". Non solo: rimane in carcere, in attesa di un eventuale ricorso al Riesame, anche per il "concreto pericolo di fuga" ed un "altrettanto concreto pericolo di reiterazione dei delitti".

E poi, scrive ancora il gip Francesco Nappo nell’ordinanza con cui ha convalidato il fermo del 32enne per omicidio e interruzione di gravidanza, Grigoletto ha una "personalità negativa" evidenziata dalla "particolare gravità" e dalle "modalità" di svolgimento assolutamente allarmanti del delitto.

Anche di fronte al giudice, nell’udienza di convalida del fermo in carcere, l’uomo ha negato qualsiasi responsabilità. Ha invece spontaneamente ammesso che sì, aveva una relazione con Marilia Rodrigues Silva Martin, 29 anni, strangolata con le mani in ufficio a Gambara (Brescia), e che sapeva di essere il padre del piccolo che la donna aveva in grembo: la conferma è già arrivata dalla prova del Dna. Questo, secondo gli inquirenti, il probabile movente: Grigoletto voleva eliminare "un ostacolo alla ritrovata serenità familiare".

Tags:
brasiliana uccisa






A2A
A2A
i blog di affari
Il federalismo per salvare la democrazia italiana
Di Ernesto Vergani
AIUTI PER I VOLONTARI, AUDIT ENERGIA, DONATORI SANGUE, INCENDI
Boschiero Cinzia
PENSIONI INTEGRATIVE EUROPEE, WELFARE, FONDI PER SCUOLA E MIGRANTI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.