A- A+
Milano

 

La Brebemi sara' realizzata per "meta' 2014". Lo ha assicurato il presidente di Brebemi Francesco Bettoni, a Palazzo Lombardia, durante la firma del project financing che permettera' di compleatre l'opera. "L'apertura finale ritardata viene compensata dall'apertura di due tratte prima del cronoprogramma", ha spiegato. Nel progetto originario l'apertura al pubblico dell'autostrada era prevista per la fine del 2013.

In arrivo 1.520 milioni per il completamento della Brebemi (autostrada Brescia-Bergamo-Milano): e' stata perfezionata l'operazione di finanziamento dell'autostrada da parte della Banca europea per gli investimenti, gruppo Cassa Depositi e Prestiti (attraverso Cdp e Sace) e cinque gruppi bancari italiani (Intesa Sanpaolo, Unicredit, Mps Capital Services, Centrobanca e Credito Bergamasco). "Il totale delle risorse messe a disposizione per il completamento dei 62 chilometri della tratta Brescia-Bergamo-Milano e' di un miliardo 520 milioni di euro".

"La nuova infrastruttura - sottolinea una nota - avra' l'effetto di decongestionare il traffico nell'attuale rete autostradale lombarda, arteria cruciale del sistema di trasporti nazionale, con una riduzione dei tempi e dei costi di percorrenza. Positivi saranno quindi anche gli impatti in materia ambientale, per il minor inquinamento atmosferico che ne conseguira' nell'intera area geografica interessata, peraltro zona ad alta densita' abitativa". "Sono particolarmente soddisfatto per questo finanziamento, perche' - ha commentato Dario Scannapieco, Vice Presidente della Bei responsabile per le operazioni in Italia, Malta e Balcani Occidentali - grazie all'unione delle forze degli investitori di lungo termine come Bei e Cdp, e con la collaborazione preziosa del sistema bancario italiano, si possono attivare e indirizzare le risorse di cui l'Italia ha bisogno per l'ammodernamento delle infrastrutture, il supporto dell'occupazione e il rilancio della produttivita' ".

"La realizzazione di una infrastruttura strategica come Brebemi - ha dichiarato Giovanni Gorno Tempini, amministratore delegato di Cdp - conferma l'impegno della Cassa Depositi e Prestiti nel sostenere l'economia e la dotazione infrastrutturale del Paese. L'operativita' congiunta Cdp-Sace e' il primo passo tangibile delle potenzialita' del nuovo gruppo Cdp". Nel dettaglio, lo schema di finanziamento vede la Cdp impegnata con una quota di 760 milioni diretti alla societa' progetto Brebemi e altri 60 milioni che saranno erogati attraverso le cinque banche, per un totale di 820 milioni. In maniera analoga, la Bei fornira' 105 milioni direttamente a Brebemi, e 595 milioni attraverso le stesse banche domestiche, per un totale quindi di 700 milioni. La quota complessiva Bei avra' la garanzia della Sace, la societa' italiana del gruppo Cdp per l'assicurazione del credito.

Tags:
brebemi finanziamenti







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.