A- A+
Milano

In Consiglio Regionale si è discussa l'interrogazione sull'applicazione dell'Autorizzazione Unica Ambientale, presentata, come primo firmatario, dal Consigliere Fabio Altitonante."Fino al 13 giugno scorso il rilascio delle autorizzazioni ambientali necessarie all'attività produttiva era ripartito tra soggetti diversi - Comuni, Province, Regioni, ARPA, o altre strutture - creando numerose complicazioni burocratiche e procedurali. Adesso, grazie all'entrata in vigore del Decreto del Presidente della Repubblica numero 59 del 2013, che istituisce una nuova Autorizzazione Unica Ambientale, è sufficiente presentare un'unica domanda allo Sportello Unico per le attività produttive (SUAP) comunale, quale unico punto di accesso del richiedente a tutte le vicende riguardanti la sua attività produttiva. Di fronte a questo atto di buon senso, tuttavia, si è generata una preoccupante confusione per cittadini, aziende e Comuni, a causa delle diverse interpretazioni sulla materia e, soprattutto, per la mancanza di una direttiva organica e univoca. Ad esempio si riscontrano differenti comportamenti tra le disposizioni fornite dalle Province ai propri uffici e tra i SUAP comunali, che si sono attrezzati in modo disorganico per far fronte alla massa di domande potenziali". "In un'ottica di semplificazione e snellimento delle pratiche burocratiche - ha commentato Altitonante - il Decreto intende dare un riferimento unico a cittadini e aziende per svolgere tutte le procedure in materia ambientale, da una semplice autorizzazione allo scarico per una lavanderia alle grandi autorizzazioni industriali, come ad esempio le Autorizzazioni Integrate Ambientali sull'adeguamento degli impianti alle direttive europee. Fino a oggi, però, gli uffici competenti non hanno ancora ricevuto una direttiva omogenea, che consenta di rendere il servizio efficiente. L'interrogazione, che abbiamo discusso in Aula, ha l'obiettivo di superare proprio quelle criticità, che stanno generando confusione tra cittadini, aziende e Comuni, al fine di garantire il buon funzionamento delle operazioni e tempi certi.Nel dettaglio, abbiamo posto l'attenzione sulla necessità per i Comuni di una modulistica unica, indicazioni procedurali funzionali, maggiori fondi e supporto tecnico, ad esempio per quanto riguarda l'organizzazione delle Amministrazioni locali a livello telematico. Grazie all'assessore Garavaglia, che si è impegnato a risolvere le problematiche attuali, entro pochi giorni, Regione Lombardia avrà una direttiva precisa nell'interesse di cittadini, aziende e Comuni".

Tags:
burocrazia altitonante







A2A
A2A
i blog di affari
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il redditometro viola i diritti dell'uomo: la denuncia di PIN


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.