A- A+
Milano

"Per superare questa crisi permanente servono misure veloci, straordinarie e coraggiose. Regione Lombardia, che ha già destinato un miliardo di euro alle imprese che hanno crediti nei confronti delle Pubbliche amministrazioni, è sulla buona strada". Lo ha sottolineato Carlo Sangalli, rieletto per acclamazione presidente di Confcommercio Lombardia, in occasione dell'insediamento nella sede della Confcommercio milanese di corso Venezia del nuovo Consiglio generale di Confcommercio Lombardia. Riunione con l'intervento di Roberto Maroni, presidente di Regione Lombardia, e la partecipazione dell'assessore regionale Alberto Cavalli (Commercio, Turismo e Terziario). "E' necessario - ha proseguito Sangalli - moltiplicare gli sforzi per liberare risorse e ridare fiducia al sistema imprenditoriale. Senza fiducia non ci sono investimenti, non si crea occupazione e si entra nella spirale pericolosa della depressione". "Il problema dei problemi - ha sottolineato Sangalli - resta l'insopportabile pressione fiscale. Facciamo subito, dunque - in accordo con il Governo Letta - una "No tax area" della durata di tre anni per le nuove piccole imprese che creano valore e occupazione. Con particolare attenzione per gli under 35 e gli over 50, ma anche imprese e negozi storici".

Una "No tax area" che si potrebbe oltretutto sviluppare durante l'Expo con l'effetto di aumentare le attività imprenditoriali che nascono in vista del 2015.

"La politica della crescita continua della pressione fiscale, a fronte di un crollo dei consumi e dei fatturati delle imprese - ha rilevato Sangalli - si sta rivelando miope e controproducente. Lo dice a chiare lettere la progressiva diminuzione del gettito fiscale. Chiediamo un impegno straordinario e coraggioso per sostenere le imprese del commercio, del turismo e dei servizi che ogni giorno arrancano per non abbassare per sempre le saracinesche. Là dove in campo fiscale la Regione Lombardia può intervenire lo faccia subito. Penso alla parte di aliquota Irap, pari allo 0,92 per cento, che può essere definitivamente abbattuta". Per Sangalli l'agenda delle priorità è nota: fisco più ragionevole, burocrazia più leggera, credito più accessibile, infrastrutture materiali e immateriali più efficienti: "Ci vuole solo la volontà politica per attuarla. Regione Lombardia ha dimostrato di iniziare bene il suo cammino con alcuni passi concreti, ma non c'è più un minuto da perdere". In Lombardia le imprese del commercio, turismo e servizi sono oltre 500mila e rappresentano circa il 60 per cento del totale. Nei primi sei mesi del 2013, il saldo tra nuove imprese e attività cessate nel terziario è stato negativo di 2.373 unità.

Tags:
carlo sangalli confcommercio







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.