A- A+
Milano
Caro Silvio, a Milano serve Letizia

di Tiziano Mariani
Imprenditore, editore ed ex consigliere Fondazione Fiera Milano

Riformare il centrodestra italiano, conferendogli nuovo slancio e vigore è senza dubbio una prova cui solo la statura di uno statista politico come Berlusconi può ambire.
 
Un rifondato polo moderato, liberal-democratico, ispirato alla laicità dello Stato e rispettoso dei valori cattolici, che sappia nuovamente riscaldare i cuori di quella maggioranza silenziosa dell’elettorato nazionale, in vista di urgenti e irrimandabili riforme è l’obiettivo.
 
Il Paese, non solo il centrodestra, ha bisogno oggi di trovare nella saggezza di una padre nobile e nella concretezza di una leadership di governo autorevole e determinata, nuova speranza di riscatto economico e sociale interno, e accresciuto ruolo strategico internazionale.
 
Sotto la regia del Presidente Berlusconi, l’impulso verso una nuova stagione politica assumerebbe i caratteri entusiasmanti di una “primavera italiana”, riaffermando con forza la supremazia indiscutibile della volontà popolare di fronte a ogni forma di altro potere.
 
L’alternativa sarebbe quella di condannare il Paese a una ennesima “primavera araba” sulle sponde del Mediterraneo, affossandone la vocazione europeista.
 
Per questo crediamo che una figura del calibro di Letizia Moratti possa rappresentare l’ideale sintesi di carattere, capacità e valori da offrire, insieme e nella continuità, per il bene dell’Italia.
 
Una donna dalle straordinarie capacità manageriali, frutto di un lungo e profondo impegno professionale di imprenditrice e ampiamente dimostrate come presidente della Rai.
 
Una donna dalle spiaccate qualità politche e amministrative anche internazionali, che ha fatto assegnare all’Italia l’onore di organizzare l’Esposizione Mondiale 2015, già stimata sindaco di Milano e Ministro della Repubblica.
 
Una donna proiettata da decenni nel settore del no profit sociale, attraverso l’esemplare  impegno profuso a favore della Comunità di San Patrignano.
 
Una donna dai tratti cordiali e dal carattere tenace, che si pone nel solco dell’esempio tatcheriano per il mondo liberal-moderato-conservatore italiano ed europeo.
 
Il percorso, ne siamo consapevoli, appare irto di ostacoli. Ma l’occasione che si presenta, al PresidenteBerlusoni, è quella di voltare la pagina grigia dello stillicidio quotidiano della cronaca, ambendo ad aprire un nobile capitolo di storia, salendo su un gradino di livello ineguagliabile per chiunque altro nel Paese.

Tags:
silvio milano letizia moratti







A2A
A2A
i blog di affari
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.