A- A+
Milano
Caso Ferrulli, il pg: "L'arresto fu illegale"

L'arresto di Michele Ferrulli, il manovale di 51 anni che nel giugno 2011 morì a Milano per un arresto cardiaco mentre 4 poliziotti lo stavano ammanettando, fu un atto "illegale e arbitrario", perché ad un "oltraggio a pubblico ufficiale, per cui non è previsto il provvedimento, non possono seguire addirittura violenze da parte delle forze dell'ordine".

Lo ha spiegato il sostituto pg di Milano Tiziano Masini nella sua requisitoria nel processo d'appello a carico dei quattro agenti, assolti in primo grado nel 2014 dall'accusa di omicidio preterintenzionale. Il pg ha preannunciato che chiederà le condanne dei quattro, ma se per due (Francesco Ercoli e Michele Lucchetti) manterrà l'accusa di omicidio preterintenzionale, per gli altri (Roberto Stefano Piva e Sebastiano Cannizzo) chiederà la condanna per eccesso colposo nell'uso dei mezzi di coazione fisica. Secondo il pg, Ferrulli quella sera "certamente alticcio e arrogante doveva essere solo denunciato per oltraggio e tutto sarebbe finito lì".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ferrulli






A2A
A2A
i blog di affari
Riforma Fiscale 2021: cosa cambia davvero per le imprese?
Gianluca Massini Rosati
Covid, l'emergenza non è finita: presto il ritorno alla fase 1 delle misure
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Parte dal Webinar la difesa dei contribuenti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.