A- A+
Milano

Dopo le dimissioni del precedente presidente coinvolto in un indagine per corruzione, la Compagnia delle Opere di Bergamo ha eletto ieri sera il suo nuovo numero uno. Il Consiglio Direttivo ha nominato Alberto Capitanio, 49 anni, socio fondatore di Compagnia delle Opere di Bergamo, della quale ha ricoperto la carica di Vice Presidente dal 1999 al 2004. Imprenditore da oltre 20 anni nel settore fieristico, e' presidente del Consiglio di Amministrazione di Ciesse Servizi srl e titolare dello studio che porta il suo nome operativo nella consulenza in ambito fieristico e promozionale.

Gia' membro del Comitato Tecnico Consultivo per il Settore Fieristico presso il Ministero dell'Industria, siede dal 2002 nel consiglio di amministrazione della Bergamo Fiera Nuova SpA e dal 2003 nel Cda dell'Ente Fiera Promoberg. Dal 2004 al 2009 e' stato membro del Consiglio della Camera di Commercio di Bergamo. Il mandato di Capitanio terminera' nell'autunno 2014. Capitanio ha annunciato che il primo atto del suo mandato sara' quello di presentare una rinnovata offerta di servizi e convenzioni con 35 nuovi accordi con partner selezionati. Il suo predecessore Rossano Breno si era dimesso dopo essere stato indagato per corruzione nell'ambito dell'inchiesta sulla discarica di amianto di Cappella Cantone (Cremona), che ha coinvolto anche l'ex assessore regionale Franco Nicoli Cristiani.

Tags:
cdo bergamo






A2A
A2A
i blog di affari
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.