A- A+
Milano

Un concorso di idee per allestire gli spazi della nuova sede dell’Associazione per il Disegno Industriale che ospiteranno la collezione storica del premio Compasso d’Oro. Frutto della collaborazione tra Comune di Milano e ADI, il concorso si rivolge a progettisti, architetti e designer, sia singoli che in gruppo, di cui almeno uno residente in Italia, per la realizzazione di una superficie di circa 700 mq in cui dovranno essere realizzati reception, biglietteria, guardaroba, oltre agli spazi espositivi veri e propri. La nuova sede dell’ADI, in fase di realizzazione, sorgerà a Porta Volta, nell’area ex Enel, tra via Ceresio e via Bramante, e sarà inaugurata nel 2015.
“Questo concorso – ha dichiarato l’assessore alle Politiche del Lavoro, Ricerca, Università Moda e Design Cristina Tajani - permetterà di avere un progetto innovativo per gli spazi interni della nuova sede di ADI per la valorizzazione e promozione della ricerca e del design italiano nell’area urbana di Milano, suo luogo d’origine quale fenomeno sociale ed economico e fattore strategico per la riconoscibilità della cultura italiana e del made in Italy nel mondo. Un’opportunità importante – conclude l’assessore Tajani - soprattutto per i giovani designer e architetti che avranno la possibilità concreta di confrontarsi con un progetto significativo per lo sviluppo della città”.
“Le idee selezionate con questo bando – ha dichiarato la vicesindaco con delega all’Urbanistica Ada Lucia de Cesaris - saranno destinate non solo ad allestire un nuovo luogo per la cultura e il design, ma anche nuovi spazi per il quartiere: ADI, infatti, si è impegnata ad accogliere anche iniziative organizzate dalle associazioni del quartiere”.
“Accanto all'esposizione del Compasso d'Oro - ha annunciato la presidente di ADI Luisa Bocchietto - la nuova sede intende divenire un centro di riferimento e possibile sede istituzionale anche per le altre associazioni del mondo del design, oggi distribuite in modo non percepibile sul territorio cittadino e operanti in modo autonomo ma disaggregato. La volontà è quella di creare una rete culturale di ampio respiro che possa essere di riferimento per il design italiano durante tutto l'anno e ospitare collaborazioni a livello internazionale.”
Il concept dovrà tenere conto delle relazioni fisiche e virtuali tra lo spazio espositivo, gli archivi e i depositi della collezione valorizzando i principi di ergonomia e del Design for All. Scopo della nuova location dovrà essere quello di promuovere la cultura del design in senso più ampio, ospitando mostre e manifestazioni temporanee, oltre a consentire l’accesso per via telematica a informazioni e servizi.
A selezionare i lavori una giuria qualificata composta da nove membri tra cui Luisa Bocchietto, presidente ADI, Enrico Morteo, curatore della Collezione Compasso d’Oro e altri esperti di chiara fama.
Il concorso è strutturato in due fasi: la prima, introduttiva, dalla quale emergeranno i 3 progetti che accederanno alla seconda fase di approfondimento, tra cui verrà scelto il prospetto vincitore da realizzarsi entro febbraio 2015. Per i tre progetti finalisti è previsto un rimborso spese di € 5.000 ciascuno.
Gli interessati possono trovare tutte le informazioni e i moduli di iscrizione al concorso direttamente sul sito dell’ADI www.adi-design.org. Gli elaborati dovranno essere consegnati entro il 15 ottobre 2013.
 

Tags:
compasso d'oro







A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.