A- A+
Milano

di Pietro Foroni, p
residente della Provincia di Lodi

Sono davvero sorpreso dalle tante chiacchiere al vento sulle mie eventuali dimissioni da Presidente della Provincia. Vedo troppo persone che si stanno agitando. Un'attenzione esagerata per tre motivi. Primo perché non c’è ancora stata la proclamazione degli eletti in Regione, secondo perché non ho ancora deciso se accettare o meno l’incarico a Consigliere di Regione Lombardia. È una scelta che richiede una profonda riflessione, non facile e sicuramente non automatica e immediata come molti possono pensare. Terzo, perché la Prefettura ha richiesto un parere al Ministero dell'Interno in relazione alla normativa sulla corretta applicazione del comma 115 dell'art. 1 della Legge di Stabilità 2013, cioè su cosa dovrebbe succedere in caso di mie eventuali dimissioni. Parere che non è ancora arrivato.

Ho trovato politicamente irresponsabile aver fatto mancare il numero legale in Consiglio Provinciale, rendendolo di fatto nullo per mere beghe politiche. Proprio quello che i cittadini non vogliono e che anche per me è inammissibile. Nessuno cerchi di sfruttare la situazione con la richiesta di nuove poltrone, perché con me nuove poltrone con non ci sono mai state e non ci saranno mai. Non mi piego a giochetti da Prima Repubblica!.

Devo dire che ho accolto con particolare stupore la parole del Consigliere Provinciale Mauro Soldati, che invito, invece, prima di tutto a pensare alla clamorosa sconfitta del suo partito alle elezioni regionali, considerando che il Pd non è riuscito a mandare al Consiglio Regionale nessuno dei suoi esponenti del territorio. Lo invito, inoltre, a riflettere attentamente sul commissariamento della città di Lodi e a guardare la situazione del Pd proprio a Lodi, dove in relazione alle primarie per il candidato sindaco, ognuno sta andando per conto suo e il partito si sta lacerando.

Solo dopo che  il Ministero dell’Interno si esprimerà col parere richiesto dal Prefetto si potrà far luce sulla situazione. Per ora tutte le parole spese sono solo chiacchiere al vento!

Tags:
chiacchiere vento







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.