A- A+
Milano

E' un mito per i milanesi e non solo. La storica libreria anarchica "Utopia" lascia via Moscova. Era stata fondata nel 1977 da militanti del circolo anarchico Ponte della Ghisolfa, da Luciano Lanza, Fausta Bizzozzero e Lucio Morawetz. In questa libreria, che da ieri sera, con l'ultimo brindisi, trasloca in via Vallazze, sono passati in tanti, da Vecchioni ad Andrè, da Paolo Rossi a Corrado Stajano, ad Antonio Scurati e Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti. Per circa un mese, quindi, i battenti rimarranno chiusi. Da febbraio si riapre, in via Vallazze 34, ex libreria Anna Kuliscioff.

Tags:
moscova utopia






A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.