A- A+
Milano

Forse si potrà discutere sulle modalità con cui vengono effettuati gli interventi e sull’efficacia delle relative comunicazioni con le famiglie, ma certo non si può dire che questa Giunta non si preoccupi delle sue scuole. Le ultime in ordine di tempo sono le materne di via Porpora e via Giacosa, che negli ultimi giorni hanno assistito ad una rapida girandola di ispezioni improvvise, chiusure, traslochi, verifiche, inizio lavori. Ripercorrendo le ultime tappe di quello che è a tutti gli effetti un monitoraggio generale sulle strutture che ospitano i bimbi milanesi, venerdì scorso sono arrivate le prime comunicazioni alle famiglie: nessun controsoffitto crollato, stavolta, ma sopralluoghi per verificare la situazione dei contro-soffitti di due scuole tra le più ammalorate sia per l'usura che per le condizioni meteorologiche invernali che ne hanno provocato la temporanea chiusura.
Così, dopo un temporaneo trasferimento (in altri istituti del quartiere per gli alunni di via Porpora, che a seconda della sezione sono stati ospitati alla Monteverdi, alla Matteucci, in via Costa e in viale Lombardia; in altri padiglioni della Casa del Sole per quelli di via Giacosa), il Comune ha deciso di chiudere le scuole per completare le
 verifiche e svolgere le riparazioni necessarie per la messa in sicurezza che verosimilmente dureranno un paio di mesi.
Nel dettaglio, l’amministrazione comunale ha reso noto che per quanto riguarda la scuola di via Porpora 43, il piano terra è stato dichiarato agibile (i bambini che lo occupavano sono infatti già rientrati in classe) mentre le tre sezioni (che si trovano al primo piano dove saranno eseguiti i lavori) verranno ospitate in altri edifici, probabilmente la scuola primaria ‘Tito Speri’ di via Lulli-Sacchini, molto vicina a via Porpora.  Per le classi della scuola di via Giacosa, invece, il Comune sta completando la verifica sulla disponibilità di spazi adeguati all’interno della stessa struttura del Parco Trotter e in altre scuole limitrofe, tra cui l’elementare di via Venini 80 (Istituto comprensivo ‘Teodoro Ciresola’) e la media ‘Rinaldi’ di via Pontano 43. I bambini proseguiranno l’attività didattica in questi istituti non appena concluso l’allestimento degli spazi e vi resteranno fino al termine dei lavori.
Qualcuno è rimasto un po’ perplesso in merito alla rapidità con cui tutto si è svolto (controlli, chiusura, trasloco alunni e disposizione lavori) e alle modalità di comunicazione intercorse tra scuola e genitori su una questione delicata come un cambio di sede in corso d’anno: è certo positivo però che si intervenga senza aspettare l’ennesimo incidente, in modo preventivo, per rendere gli edifici sicuri e decorosi per chi li frequente ogni giorno.
E’ giusto sottolineare anche che il neoassessore Francesco Cappelli ha incontrato  le famiglie per spiegare l’accaduto e condividere le soluzioni per il futuro. Certo si può sempre migliorare, e sono ancora tante le scuole in attesa.

A.P. da chiamamilano.it

Tags:
chiamamilano







A2A
A2A
i blog di affari
De Donno, eroe della medicina democratica che non piaceva ai potenti D. FUSARO
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.