A- A+
Milano

Parlano di "coincidenza" tra i versamenti delle presunte mazzette pagate dagli imprenditori e il pagamento di alcuni viaggi da parte della Guarischi Consulting a cui avrebbe partecipato anche l'ex presidente della Regione Roberto Formigoni i pubblici ministero Claudio Gittardi e Antonio D'Alessio al processo a carico dell'ex consigliere regionale Massimo Gianluca Guarischi e dell'ex direttore dell'Azienda ospedaliera di Sondrio, Luigi Gianola.

In occasione dell'udienza dedicata all'acquisizione delle fonti di prova, la procura ha dichiarato che Guarischi sarebbe stato una sorta di "grimaldello" per sbloccare, in cambio di tangenti, i finanziamenti in campo sanitario della Giunta, quando era guidata da Formigoni, e avrebbe fatto da mediatore tra la presunte mazzette versate dall'imprenditore Giuseppe Lo Presti e i pubblici funzionari regionali.

Formigoni è coinvolto nel procedimento in uno stralcio d'indagine ancora aperto. É accusato di corruzione e turbativa d'asta. Secondo gli inquirenti, Guarischi avrebbe speso circa 65mila euro per portare in vacanza Formigoni e altri amici.

Tags:
pm formigoni







A2A
A2A
i blog di affari
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il redditometro viola i diritti dell'uomo: la denuncia di PIN


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.