A- A+
Milano

Con una regolarità alla quale ci siamo ormai abituati nel corso degli anni, siamo arrivati ad appena due giorni dall'esaurimento del "bonus-inquinamento" previsto dalla legislazione comunitaria.
Il 27 febbraio è stato il trentatreesimo giorno di superamento della soglia  dei 50 microgrammi per metrocubo di PM10.
La normativa vigente prevede un massimo di 35 superamenti in un anno ed è facile pronosticare che, stante l'attuale situazione meteorologica, per il week end verrà toccato il 35° giorno. Per l'ennesima volta l'area critica milanese sarà sottoposta al procedimento d'infrazione da parte dell'Unione europea.
Niente di nuovo nell'aria. Come ogni anno il limite viene passato tra la metà e la fine di febbraio. L'unica variabile è costituita dalla situazione meteorologica. Se la stabilità degli strati atmosferici e l'inversione termica perdurano il limite può essere superato addirittura prima della metà di febbraio. Se, invece, le condizioni meteorologiche sono caratterizzate da una maggiore instabilità si può arrivare, come quest'anno, anche ai primissimi giorni di marzo.
Comunque sia un dato allarmante, se ormai l'allarme avesse ancora un senso di fronte a quella che è la patologia cronica dell'aria che si respira su buona parte della Pianura padana. Un area non certo favorita dalla sua orografia e quindi dallo specifico meteorologico che la contraddistingue e che favorisce l'accumulo di sostanze inquinanti, ma proprio per questo quanto mai bisognosa di misure complessive che sappiano aggredire l'inquinamento a partire dall'unica vera strategia possibile: l'abbattimento delle fonti emissive.
Si tratta di una strategia che non può essere perseguita in modo parziale e locale. Le misure assunte coraggiosamente in alcuni territori -un esempio per tutti Area C a Milano- devono essere un traino per strumenti da adottare su ampia scala. 
Da una profonda revisione dell'utilizzo del mezzo privato ad un radicale ripensamento della logistica -soprattutto quella del cosiddetto "ultimo miglio"-, da misure di limitazione della circolazione ad una seria politica di investimenti sul trasporto pubblico di medio raggio, sono le uniche vie percorribili per non ritrovarsi ad ogni fine di febbraio a certificare l'ennesimo anno di emergenza smog, incapace ormai persino di fare notizia.

da www.chiamamilano.it

Tags:
anno scorso







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.