A- A+
Milano
Concluso il puzzle delle liste, ora serve la città metropolitana

Ora che Pietro Bussolati (Pd) e Luca Squeri (Fi) hanno ricomposto il puzzle delle liste per l’assemblea costituente (Consiglio metropolitano) non resta che inventarsi la città metropolitana. A fine mese la Provincia di Milano avvierà il passaggio di mano al nuovo soggetto, il cui coordinatore, da gennaio,  sarà il sindaco Giuliano Pisapia. Ma al di là delle alchimie sulle liste – il risultato è scontato poiché a votare saranno gli eletti nei consigli comunali – si tratta di capire quali poteri avrà la grande Milano. A decidere saranno il governo, la Regione e lo statuto elaborato dal Consiglio metropolitano. Ma il rischio che, chiuso un ente considerato inutile come la Provincia, ne nasca uno senza poteri reali, è molto concreto. Basta dare un’occhiata a due temi di grande attualità. La casa: nei giorni scorsi il comune di Milano ha deciso di assegnare alla Mm la gestione delle 30mila case popolari di proprietà, le altre (circa 40mila) continueranno ad essere gestire dall’Aler (Regione). La mobilità. La metà dei mezzi pubblici (Trenord) e la quasi totalità delle autostrade e delle tangenziali, che portano traffico nella città metropolitana, saranno gestite dalla Regione. Chi deciderà su limitazioni, blocchi e disciplina nell’uso delle auto, Maroni o Pisapia? E’ anche per questo che il lavoro di Bussolati e Squeri è importante. Forse, nella fase costituente, la grande Milano potrebbe andare verso le larghe intese.

Tags:
liste città metropolitana







A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.