A- A+
Milano

 

giulio boscagli

di Fabio Massa

Non è una partita di poco conto. Tutte le televisioni locali aspettano le nomine con impazienza. Il Corecom non è solo un organismo di controllo, o una sigla strana dietro la quale non si nasconde nulla. Il Corecom ha un potere enorme: quello di distribuire i fondi del ministero in base a una graduatoria di televisioni ed emittenti stilata anno per anno. Non è un caso che spesso ci siano contenziosi o liti, come quella che lo scorso anno vide coinvolte Rete 55 e Più Valli Tv. A questo proposito, diversamente rispetto ai rumors circolati qualche settimana fa, per il rinnovo del Corecom non c'è in lizza Walter Bianchi, che proprio in quella vicenda fu parte in causa.

Il Corecom, dunque, cambia presidente e membri. Il gioco è tutto, ovviamente, sulla poltrona più alta. In questi ultimi giorni pare che ci sia un grande attivismo da parte dei ciellini, per promuovere Giulio Boscagli. Ex assessore, famigliare di Formigoni, è uno di quelli che non è stato recuperato dopo l'avvicendamento con Maroni in Regione Lombardia. Subito però è partito il fuoco di fila. Due sono le obiezioni che sono state avanzate a Maroni (che ha in capo la nomina del presidente): la prima è che è indagato. La seconda è che essendo stato assessore, in base al decreto Monti, ci potrebbero essere problemi di incompatibilità. A questo punto è stata avanzata la proposta di Stefano Rolando, nome gradito all'opposizione targata Ambrosoli (è stato il suo spin doctor), e professionista in buoni rapporti con Maroni. Stando però a un indiscreto dell'agenzia AgeNord, questa ipotesi sarebbe tramontata. A questo punto la Lega Nord potrebbe spingere avanti uno dei suoi, senza più remore. Il Pdl, per parte sua, promuoverà la causa di Federica Zanella. I tempi delle decisioni ormai si stringono. Tra due giorni da Roma arriverà la decisione sulla riduzione dei membri del comitato da 7 a 5. Il 18 giugno il consiglio regionale dovrebbe ratificare. A quel punto, per la nomina, sarà questione di poco: entro il 25 giugno (o al più tardi il 2 di luglio) arriverà la decisione finale.

@FabioAMassa

Tags:
boscagli corecom







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.