A- A+
Milano


 

Roberto Cornelli

Sento di dovere delle spiegazioni ai tanti che mi hanno chiesto in questi giorni perché non fossi nella lista dei candidati alla carica di parlamentare e che, sentendo che non mi candiderò neppure come consigliere regionale, rimangono decisamente sconcertati.
 
Proprio da questo sconcerto vorrei partire per indicare i motivi che mi trattengono dal candidarmi.
 
È vero, sarebbe stato naturale che alla fine (o quasi) dei miei due mandati da Sindaco e nel mio ruolo di Segretario Pd dell’area metropolitana milanese io mi candidassi per portare il mio contributo a livello regionale o nazionale. E chi mi conosce sa bene che non è certo la competizione elettorale ad avermi frenato (anzi …!).  Allora cosa? In sintesi: 1) un legame paradossalmente debole con la politica; 2) l’attaccamento all’insegnamento e alla ricerca in Università; 3) la coerenza con gli impegni istituzionali che ho assunto.
 
Ho iniziato a fare politica a vent’anni in Consiglio Comunale a Cormano da indipendente nell’allora Pds. Mi sono iscritto dopo qualche anno, ma non ho mai fatto parte delle organizzazioni giovanili del partito; mi sono sempre occupato di temi e di progetti, anche quando mi è capitato di essere coinvolto come esperto sulle questioni della sicurezza urbana. E ho scelto di occuparmi del mio Comune, Cormano. È da quasi 9 anni che sono Sindaco, un’esperienza bellissima, e sento la responsabilità di arrivare fino in fondo. Non ho mai avuto  incarichi di partito fino a 3 anni fa, quando per una serie di coincidenze fortuite (tra cui mi piace pensare la mia esperienza da Sindaco), mi è stato proposto di impegnarmi direttamente nel Partito Democratico come Segretario metropolitano per preparare la sfida delle elezioni milanesi del 2011; e, un po’ al buio, ho accettato.
 
Non è mia intenzione fare bilanci, ma solo evidenziare un dato di fatto: quand’ero ventenne, consigliere comunale e studente universitario, non vedevo il mio futuro in un’aula parlamentare o di consiglio regionale e non ho mai orientato la mia formazione in quella direzione. E, infatti, mi sono impegnato in altro, nella ricerca criminologica e nell’insegnamento accademico, e tutto ciò che ho fatto in politica è stato intenso, coinvolgente ma mai esclusivo. Per questo dico che il mio legame con la politica è paradossalmente debole: la mia biografia dice che il mio impegno politico ha potuto prendere e potrà in futuro prendere strade diverse da quelle usuali. Penso che la politica abbia bisogno di saperi e competenze, tanto quanto i saperi e le competenze hanno bisogno di dialogare con la polis per progredire. Senza fretta e senza rigidità precostituite, è bene che ciascuno percorra la propria strada.
 
Insomma, tante parole per dire che ho un lavoro in Università che mi piace moltissimo, mi sento addosso la responsabilità di essere  Sindaco (per i mesi che mi separano dal “congedo” definitivo), e c’è da coordinare ancora in qualità di Segretario milanese una doppia campagna elettorale, in Italia e in Lombardia. Sono convinto che la mia strada non possa essere oggi quella di mettere da parte tutto questo per un seggio in Parlamento o in Consiglio regionale. Ma sono anche convinto che nel mio futuro ci saranno molte occasioni per proseguire il mio impegno civico senza rinunciare e, anzi, facendo tesoro di quelle competenze ed esperienze per cui ho lavorato sodo in tutti questi anni.
 
Roberto Cornelli

http://www.robertocornelli.it/
 

Tags:
cornelli






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.