A- A+
Milano
Covid, donne e impresa: per tre su quattro "meglio essere dipendente"

Covid, donne e impresa: per tre su quattro "meglio essere dipendente"

E’ forse lo smart working a tracciare il confine tra maggiore e minore incertezza nell’imprenditoria femminile. Lo rileva il sondaggio promosso dal Gruppo Terziario Donna di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza (dati elaborati dall’Ufficio studi della Confcommercio milanese) per l’avvio del corso di formazione online “In viaggio verso la leadership” tenuto da Poliedros Management Consulting (società di consulenza nata per affiancare le aziende nella valutazione delle scelte strategiche, nei momenti di crescita, di riorganizzazione, di cambiamento). La prima edizione del corso è realizzata grazie al sostegno di EBiTer Milano (l’Ente bilaterale del terziario) e al supporto del Capac Politecnico del Commercio e del Turismo.“In viaggio verso la leadership”, 16 imprenditrici milanesi diverse per estrazione professionale, vissuto e settore, affrontano un percorso in 6 puntate (avviato il 27 ottobre) fino al prossimo 4 dicembre* sullo sviluppo della leadership al femminile ai tempi della pandemia.

Nel primo semestre 2020 sono complessivamente cresciute le imprese che contano donne protagoniste nelle cariche aziendali – 193 mila a Milano, 447 mila in Lombardia, + 2% nel capoluogo, + 1,2% in regione** – ma la recessione generata dall’emergenza Covid rischia di accrescere - come è emerso nel primo appuntamento del percorso formativo online “I nuovi leader al tempo della pandemia e il valore delle differenze” – le disuguaglianze già conosciute nei tempi pre-Covid. A livello internazionale, il settore dei servizi vede le donne prime vittime di possibili tagli.“La scommessa di ‘In viaggio verso la leadership’ - afferma Lionella Maggi, presidente del Gruppo Terziario Donna di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza - è capire come questa pandemia impatti sulla parità di genere nel mondo dell’impresa, ma anche come possa diventar un’occasione per accrescere la resilienza e la capacità di gestire i conflitti e l’equilibrio tra lavoro e vita privata”.

Sui risultati del sondaggio (risposte da 258 imprenditrici) pesa la grande difficoltà del momento: l’88% registrerà nel 2020 un calo di fatturato e il 60% ritiene che il benessere psicofisico sia diminuito (stabile per il 32%). Restano incerte le prospettive nel 2021 per il 62% delle donne imprenditrici. Il 20% pensa che peggioreranno ulteriormente. Di fronte all’incertezza che si sta vivendo l’imprenditrice, in questo momento, preferirebbe essere una dipendente: alla domanda provocatoria così ha risposto, forse in maniera altrettanto provocatoria, il 75%.

L’approccio donna-smart working mitiga, però, il pessimismo separando sostanzialmente l’esperienza imprenditoriale di chi lo ha adottato dalla situazione delle imprenditrici che, invece, non l’hanno potuto effettuare e magari l’hanno “subito” nella desertificazione cittadina, come le operatrici del commercio e dei servizi alla persona. L’84% delle imprenditrici che, per l’attività svolta, ha sperimentato lo smart working ha rilevato la maggiore capacità di saper conciliare il lavoro con le esigenze private-familiari.Lo smart working ha migliorato la vita delle donne? Sì per il 69% di chi l’ha fatto, no per il 57% di chi non ha potuto farlo. E la discesa del benessere psicofisico delle donne imprenditrici è meno grave per chi ha operato in smart working (per il 43% in diminuzione) rispetto a chi lo smart working non ha potuto farlo (diminuito per il 74%).Le prospettive per il 2021, infine, sono equilibrate per chi ha effettuato lo smart working (36% in peggioramento, 36% in miglioramento, 28% buone) molto più che per le altre imprenditrici (69% in peggioramento, 27% in miglioramento, 4% buone).

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coviddonneimpresa






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
    I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
    Boschiero Cinzia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.