A- A+
Milano
Cyberbullismo, cento scuole coinvolte nel progetto "safebook"

"Affettività e crescita sono temi complessi e serve una vera conoscenza per essere protagonisti della propria crescita. La scuola può essere di aiuto, agevolando momenti di partecipazione che aiutino i bambini e i ragazzi a essere autonomi e consapevoli nelle decisioni e nelle relazioni, offrendo anche gli strumenti per difendersi dai rischi della rete", ha detto Francesco Cappelli, assessore all'Educazione e Istruzione. "Il rispetto di genere parte proprio dall'uso corretto delle parole: il linguaggio è uno dei primi strumenti da cui si parte per riconoscere la parità e per educare al valore dell'affettività e del rispetto della sessualità", ha aggiunto Chiara Bisconti, assessora al Benessere, Qualità della vita, Sport e Tempo libero. "I troppi casi di violenza sulle donne sono profondamente legati all'inconsapevolezza di come si vive e si sviluppa la relazione con l'altro genere. Le relazioni si costruiscono sull'affetto, non sul possesso, e nascono dal prendersi cura di sá e dell'altro. La libertà chiede consapevolezza, conoscenza informazione e responsabilità, che si sviluppano anche grazie a progetti come questi", ha commentato Alessandro Capelli, delegato del Sindaco per le Politiche giovanili.

Questa mattina si sono confrontati con i ragazzi presenti in sala e con quelli collegati via chat Giovanni Ziccardi esperto di Informatica Giuridica dell'Università degli Studi di Milano, Maurizio Bini, responsabile della struttura complessa di Ostetricia e Ginecologia presso l'Ospedale Niguarda di Milano e specialista sulla prevenzione sessuale, Massimo Galli, direttore dell'Istituto di Malattie Infettive dell'Ospedale Sacco, Giovanni Del Bene, coordinatore del Progetto Scuola Anlaids e il giocatore dell'Inter, Jonathan Cæcero Moreira.

Un focus particolare è stato dedicato al sexting, l'auto-fotografarsi con il telefono in pose provocanti e compromettenti, l'invio di immagini esplicite attraverso sms, mms e mail. Tra i giovanissimi l'esperienza del sexting non è un'eccezione: "In Italia un adolescente su quattro (25,9%) - sostiene il professor Giovanni Ziccardi - afferma di essere stato oggetto di sexting, ovvero di aver ricevuto sms/mms/video a sfondo sessuale. Il fenomeno sta subendo un aumento sorprendente, se si considera che, come spiega Ziccardi, "la percentuale degli scambi tramite sms/mms/video di materiale a sfondo sessuale nell'ultimo anno ß più che raddoppiata con una crescita dal 10,2% al 25,9% tra gli adolescenti italiani dai 12 ai 18 anni".

Sempre in base ai dati del professor Ziccardi, le ragioni che spingono gli adolescenti all'invio di materiale pornografico sono per lo più la burla o lo scherzo (11,1%) e il desiderio di emulazione dei propri amici (8,6%) e di provocare imbarazzo (4,6%). Il sexting è percepito dai ragazzi come gesto per lo più goliardico, visto che "quasi il 50% degli adolescenti confessa di non considerare il sexting una pratica rischiosa". "Safebook" utilizza quindi il linguaggio web 2.0 per garantire un coinvolgimento capillare degli studenti e un più facile accesso ai materiali, come le video lezioni dei relatori trasmesse in classe attraverso le lavagne multimediali (LIM).

Tags:
cyberbullismomilanoscuole







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.