A- A+
Milano

Bruno Dapei, presidente del consiglio provinciale e candidato del Pdl al consiglio regionale, durante una diretta online dalla redazione di Affaritaliani.it, intervistato dal direttore e dai redattori, ha parlato a 360 gradi della politica lombarda: "Formigoni ha fatto bene, a livello amministrativo, ma credo che sarebbe passato alla storia se avesse lasciato 2 anni fa. Quando, peraltro, avrebbe voluto, per avere un ruolo nazionale che probabilmente non gli è stato dato perchè avrebbe sconvolto logiche romane. Albertini? In questa sua fase storica non può vincere. Una proposta per la Lombardia? Prolungare le metropolitane oltre i confini di Milano". Poi spiega perché rilancia Forza Italia...

IL SUNTO DELL'INTERVISTA

Presidente Dapei, che cosa ne pensa di Formigoni?
Formigoni ha fatto bene, a livello amministrativo, ma credo che sarebbe passato alla storia se avesse lasciato 2 anni fa. Quando, peraltro, avrebbe voluto, per avere un ruolo nazionale che probabilmente non gli è stato dato perchè avrebbe sconvolto logiche romane. Comunque è stato rieletto con grande margine. Poi in questi giorni siamo alle prese con polemiche giudiziarie, ma ricordiamoci che per 11 volte è stato rinviato a giudizio, ed è sempre assolto.

video dapei

 

Lei pensa che ci sia una giustizia ad orolegeria?
No, ma abbiamo un problema nel Paese, forse soprattutto a Milano, di doppiopesismo. Mi spiego: ho vissuto prima lo scandalo Serravalle, l'inchiesta mancata e poi quella nata a Monza su Filippo Penati. Ho visto altre inchieste fiorite dal nulla, come quella sugli emendamenti in bianco per tenere Albertini e i suoi collaboratori in interrogatori fino a notte fonda. Ho visto l'inchiesta sulla Colli, nata prima delle elezioni e archiviata pochi giorni dopo. Stesso discorso per Penati: l'inchiesta nacque prima delle elezioni milanesi ma venne resa nota dopo. In questo caso, su Formigoni, non è avvenuto.

E che cosa ne pensa della vicenda Finmeccanica?
Qualcuno ha detto: è la risposta a Mps. Credo che giudici debbano avere massima libertà di agire.

Che cosa ne pensa dell'operazione di vendita di Sea? Ci fu un pasticcio?
Sì, ci fu un pasticcio, e se non ci fosse stato le cose sarebbero andate diversamente. Ora però ci troviamo davanto a un'operazione storica sulla Serravalle, con la vendita completa da parte di Provincia e Comune insieme. Lasciamo alle spalle un modello di politica che nomina i cda e non solo.

Lei ripropone il simbolo di Forza Italia. E' la certificazione del fallimento del Pdl?
Proprio per questo mi candido a recuperare Forza Italia, perché c'è stato un fallimento sia politico che elettorale da parte del Pdl.

Che cosa ne pensa della proposta del 75% di tasse al Nord, come dice Maroni.
Credo che sia un modo diverso, più chiaro, per parlare di federalismo. Il cittadino può toccare con mano come finiscono le sue tasse.

Albertini, durante la diretta online ad Affari, propone un ticket sanitario modulato sul reddito.
Si deve modulare, sono d'accordo. Una persona benestante non ha problemi a pagare la parte alberghiera della degenza. Il limite di Albertini in questa sua fase storica è che non ha nessuna possibilità di vincere: o vince Maroni o Ambrosoli.

Faccia una proposta concreta per la Regione.
Da sempre ho il pallino delle infrastrutture. Abbiamo la possibilità di far risparmiare ore settimanali alle famiglie che passano il tempo in coda. Purché la Regione vada avanti nella politica di prolungamento delle metro oltre ai confini di Milano.

Tags:
dapei pdl






A2A
A2A
i blog di affari
Luoghi dell’anima: le “piccole case” di Bruno Messina
di Mariangela Turchiarulo
FSBA: ANNULLATE LE SENTENZE DEL TAR DEL LAZIO
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.