A- A+
Milano
Detenuto suicida insultato su facebook: reintegrati sedici agenti di Polizia penitenziaria

"Si tratta di casi isolati, in cui la responsabilita' e' personale e che vanno sempre giudicati attraverso un procedimento disciplinare": lo ha detto Rino Raguso vicesegretario del sindacato di polizia penitenziaria Osapp (Organizzazione sindacale autonoma Polizia penitenziaria), in merito alla vicenda dei 16 agenti, tra cui lo stesso Raguso, sospesi dal servizio e poi reintegrati dopo aver condiviso su facebook la notizia del suicidio di un detenuto di Opera, corredata da commenti ingiuriosi.

"Ho condiviso la notizia nell'esercizio del mio ruolo di sindacalista, il cui dovere e' quello di informare, e cosi' anche gli altri colleghi, ma siamo stati sospesi per 20 giorni, anche se la condivisione non significa adesione. Adesso e' giusto che si aprano i procedimenti disciplinari per chi ha aggiunto frasi offensive, ma sono contento del mio reintegro e di quello dei colleghi. Questo caso puo' servire come appello alle istituzioni a non criminalizzare il corpo di polizia penitenziaria, a non considerarlo un corpo retrogrado e violento, ma a considerare invece le difficolta' e le indicibili carenze di struttura e di organico a cui siamo sottoposti". Nelle carceri si continua a morire di suicidio, ha ricordato Raguso: lo scorso anno nelle prigioni italiane si sono tolte la vita 43 persone, di cui 11 erano agenti di polizia penitenziaria. "Il nostro personale vive una continua situazione di stress psicofisico, il tasso di suicidi tra gli agenti penitenziari e' 7 volte superiore a quello dei cittadini comuni. Per noi, e parlo anche a nome dei colleghi sospesi, molti dei quali in carcere hanno salvato vite umane, un suicidio e' sempre una sconfitta". Raguso ha voluto chiarire che lui e gli altri 16 colleghi sospesi e reintegrati scorso si erano limitati a condividere la notizia e ad applicare un "like", senza commentare

Tags:
polizia penitenziariacarcereoperarino ragusofacebooksuicidio







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.