A- A+
Milano
M4, seppelliti dal cantiere? Via Dezza contro gli scavi

Un camion carico di terra ogni dieci minuti per 22 mesi da via Dezza a Lorenteggio. Il comitato Foppa Dezza Solari, costituitosi esattamente un anno fa e sostenuto da 3.500 cittadini, contesta il progetto del cantiere per le fermate della linea metropolitana 4, temendo gravi ricadute dal punto di vista ambientale per la zona interessata ai lavori. Lo smarino, ovvero la terra scavata, che sarà generato dagli scavi equivale a 870mila tonnellate, pari a, come hanno calcolato gli attivisti del comitato, due volte i metri cubi della piramide di Micerino. La terra sarà depositata in via Dezza  e da lì caricata sui camion che, per due anni, in andata e ritorno, seguiranno  il percorso lungo via Caravaggio, via Foppa,  via Lorenteggio, sino ai siti di smaltimento.

Per scongiurare i temuti disagi, il comitato ha approntato una relazione tecnica proponendo una soluzione alternativa per il trasporto della terra, ovvero attraverso l’uso di nastri trasportatori nel sottosuolo, lungo il percorso dello stesso tunnel in via di realizzazione: “E’ infatti da più di venti anni - spiegano gli esponenti del Comitato - una pratica largamente adottata nella realizzazione delle metropolitane in tutto il mondo, proprio per ridurre l’impatto ambientale e i disagi alla popolazione. Nel caso in esame si tratterebbe di realizzare un nastro trasportatore di 3.770 metri, con una capacità di trasporto pari a 50 tonnellate l’ora. Un nastro quindi di lunghezza simile a quella dei nastri utilizzati per le metropolitane di  Panama, Varsavia, Atene, come della Linea 5 di Milano e della metro C di Roma, ma inferiore a quella  della linea 9 della  metropolitana di Barcellona di  6mila metri  della metro di Madrid Atocha di 7,500 metri  e quello di  Istambul Kartal di 7.590 metri”. Ma la proposta, almeno sino ad oggi, pare aver lasciato piuttosto freddo l’assessore Pierfrancesco Maran.

Tags:
comitato dezza cantiere m4 metropolitana






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.