A- A+
Milano

di Fabrizio De Pasquale, consigliere comunale di Forza Italia

Per la prima volta nella storia di Milano, dopo un secolo e mezzo Milano rischia il dissesto finanziario. Questo è dovuto ad almeno sei errori compiuti dalla  Giunta Pisapia.
1) I tagli ai trasferimenti dello Stato ai comuni risalgono all’agosto e al dicembre del 2011. La giunta Pisapia vive sugli allori dei conti in regola dell’era Albertini/Moratti,  spende spensieratamente e non effettua alcuna spending rewiew per tutto il 2012;
2) I tagli ai trasferimenti statali comunque ammontano a 340 milioni di euro e sarebbero abbondantemente stati coperti dall’aumento delle tasse comunali che Pisapia decide  sia nel 2012 che nel 2013 : in 2 anni addizionale Irpef allo 0,8, Imu ai massimi nazionali su prima e seconda casa, Cosap + 30%, Tassa rifiuti +32% , Tassa di Soggiorno, Tassa sui passi carrai etc etc . Parliamo di 735  milioni di euro rispetto a quanto si pagava nel 2010 con Letizia Moratti.
3) Ogni operazione tesa a favorire entrate straordinarie quali vendita di aziende o immobili comunali,piuttosto che il tesoretto degli oneri di urbanizzazione vengono abbandonati in nome di un furore ideologico da socialismo reale.
4) A Marzo 2013 è chiaro a tutti che il bilancio comunale, senza nessuna manovra correttiva, avrebbe registrato alla fine dell’anno un disavanzo di 436 milioni di euro. In maniera irresponsabile, anziché approvare allora un bilancio preventivo che ripensi tutte le voci di spesa e il modo di erogare servizi, comincia una lunga fase, durata 8 mesi,  di richieste di aiuti, quasi messianici, al Governo Letta. Una ostinazione cieca, essendo note le difficoltà del Governo a reperire anche solo le vecchie coperture .
5) Cosi si arriva a Novembre 2013 quando è troppo tardi per tagliare spese già impegnate per 11/dodicesimi e viene compiuto l’azzardo di aumentare l’IMU sulla prima casa allo 0,6, confidando sulla successiva eliminazione del tributo e nel relativo rimborso ai comuni ;
6) Qualche giorno viene messo nero su bianco dal Governo quanto l’opposizione sostiene da giugno. Lo Stato rimborsa a Milano una somma pari al gettito dell’Imu prima casa del 2012, quando cioè era calcolata allo 0,4 %. Mancano a questo punto 110 milioni perché Pisapia sperando di far fesso lo Stato voleva farsi rimborsare 250 milioni, l’equivalente del gettito con Imu allo 0,6%
Arriva cosi la beffa per i contribuenti milanesi. Mentre nel resto di Italia lIMU non si paga sulla prima casa a Milano la pagheremo meta gennaio. Certo siamo in compagnia di Napoli e altri 600 comuni. Ma siamo quelli che pagheranno di più perché la Giunta ha esagerato nella furbizia e, unica , ha aumentato del 50% lMU rispetto allo scorso anno.
Il Governo ha le sue colpe perché ha deciso tardi su IMU. Milano però paga la furbata di Pisapia. Quello che chiediamo ora come Forza Italia è che a pagare non siano i già tartassati contribuenti milanesi. Piuttosto si imponga una cura dimagrante a un Comune retto da incapaci.

Tags:
secolo dissesto







A2A
A2A
i blog di affari
Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il redditometro viola i diritti dell'uomo: la denuncia di PIN
Green pass obbligatorio, infame pratica ideologica e non scientifica
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.