A- A+
Milano

La Milano di domani, attraverso una indagine promossa dalla Camera di Commercio e dall’Ispo di Renato Mannheimer.  Come cambierà Milano? Gli aspetti positivi. Per quasi 6 milanesi su 10 la qualità della vita in città migliorerà o resterà comunque alta (una quota simile tra gli imprenditori), per 9 aziende su 10 e per 8 cittadini su 10 Milano sarà sempre più città cosmopolita ed internazionale, con una vita notturna sempre più vivace (per oltre 8 cittadini su 10, una percentuale simile tra gli imprenditori), una città tollerante che unirà gruppi e persone diversi per provenienza sociale, etnia e stile di vita (per 8 milanesi su 10), mentre per 6 rispondenti su 10 (imprese e popolazione) la solidarietà verso gli immigrati aumenterà/resterà alta come ora. Più complicata la situazione per l’occupazione: se infatti circa 7 cittadini su 10 e 6 imprenditori su 10 ritiene che l’offerta di lavoro nel futuro diminuirà o rimarrà come ora, si intravede un barlume di ottimismo: infatti il 25% delle imprese considera che le opportunità di lavoro aumenteranno, rispetto al 22% che si aspetta al contrario un trend in discesa. Le percezioni di popolazione e imprese convergono con lievi differenze nell’immaginare con maggioranze larghe (tra l’80% e il 70%) una città che sarà sempre più disuguale (con un’accentuazione tra i più giovani), in cui sarà difficile trovare un’abitazione a prezzi accessibili (con un’accentuazione tra i 35-44enni), dove la presenza di mafia e ‘ndrangheta sarà alta (lo pensano soprattutto gli imprenditori del settore costruzioni). E ancora circa 7 cittadini su 10 e 6 imprenditori su 10 ritiene che l’offerta di lavoro nel futuro sarà bassa/diminuirà.

ESTERNA GALLERIA

 

I milanesi per la Milano del domani vorrebbero soprattutto una città internazionale e aperta al mondo (66%, soprattutto i più giovani (90%) e le aziende: 81%), che vive soprattutto di giorno (62%, anche se nella scelta conta molto l’età: i giovani sono per la città anche “notturna” (61%), viceversa i più anziani (76%). Le aziende si dividono circa a metà tra giorno e notte). Ma anche una città più solidale e dal volto umano (59%, un desiderio sentito in particolare dalle donne: 64%), anche se tra gli studenti prevale la voglia invece di una città più competitiva e meritocratica (69% rispetto al 41% complessivo dei milanesi e delle imprese). Una città della mescolanza (57%) dove fianco a fianco vivono persone diverse per provenienza e stili di vita (una percentuale che sale soprattutto tra le aziende (72%), gli operai (66%), gli studenti (66%) e i giovani (63%). C’è un sostanziale pareggio tra città orizzontale, diffusa ma con edifici di massimo 4/6 piani (53%), e una verticale, con sempre più grattacieli (47%) tra la popolazione. Le aziende preferiscono l’orizzontalità (60%). I giovani la verticalità (60%). Le azioni prioritarie per ambito. Per la mobilità vince la mobilità sostenibile (7 aziende su 10 e 6 cittadini su 10) e poi migliorare i collegamenti tra Milano e hinterland. Importanti le quote di preferenze anche per le altre azioni.  Per la qualità della vita, la vivacità e la sicurezza risulta vincente il rilancio dei piccoli/medi negozi e, a seguire, la valorizzazione anche temporanea di spazi inutilizzati. Da notare che 5 cittadini su 10 gradirebbero l’aumento di cinema/teatri/gallerie anche nelle zone periferiche.  Per il lavoro, le imprese e l’istruzione vince il desiderio di snellire la burocrazia (8 aziende su 10 e 7 cittadini su 10). Circa 6 rispondenti su 10 vorrebbe fossero promosse start-up, ad esempio, mettendo a disposizione spazi a costi contenuti e 5 su 10 vorrebbero il miglioramento delle università. 

Tags:
milano futuro






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.