A- A+
Milano

di Fabio Massa

Eccoli quindi, i punteggi che tutta la sanità lombarda aspetta. Secondo quanto può riferire Affaritaliani.it da documenti interni all'assessorato alla Sanità, che sono stati visionati, il miglior direttore generale delle Asl è a Bergamo. Si chiama Mara Azzi e ha totalizzato un punteggio finale di 96,65, che deriva dalla sommatoria di 76,10 (sanità), di 19,85 (famiglia) e dalla maggiorazione del 10 per cento del comitato interassessorile. Per quanto riguarda gli ospedali, il miglior direttore è all'ospedale Maggiore di Crema, con Luigi Ablondi, che totalizza un punteggio di 95.30.

Due quindi le liste. Da una parte le Asl, dall'altra gli ospedali. Così, si scoprono cose interessanti. Per esempio che nei primi cinque posti, a livello di ospedali, non c'è neppure una struttura di Milano: dietro Crema c'è Lodi, con Giuseppe Rossi (94.82), poi c'è il Sant'Antonio di Gallarate, dove il tandem tra il dottor Cantù e il dottor Pontoni totalizza 94.64. Poi, ancora, c'è Luigi Gianola del Valtellina Valchiavenna (94.58). Al quinto posto i Riuniti di Bergamo, con Carlo Nicora (94.40). E giù giù, a scendere: Pavia (Daniela Troiano - 94.29), Danilo Gariboldi di Chiari (93.83), Paolo Moroni del Circolo Melegnano (93.43), Mauro Lovisari del Circolo Lecco (93.35), Simona Mariani dell'Istituto Ospedaliero di Creomna (93.31), Desenzano (tandem Russo-Votta prende il 93.19). Il primo ospedale di Milano in questa lista è quello del FatebeneFratelli, dodicesimo, con Giovanni Michiara (92.73). Poi c'è Desio e Vimercate (Pietro Caltagirone - 92,71), il Macchi di Varese, i Civili di Brescia, Seriate, il San Gerardo di Monza, il Civile di Legnano, il Pini di Milano, Busto Arsizio, il Niguarda di Milano. L'ultimo è il San Paolo di Milano, dove il direttore Enzo Umberto Brusini totalizza l'82,94 per cento.

Poi c'è la partita sulle Asl. Anche qui, Milano di certo non brilla. Al primo posto, come detto, c'è Bergamo. Poi arriva Brescia, con Carmelo Scarcela (96.08), poi c'è Lecco (tandem Votta-Lucchini) che totalizza 95.82 grazie anche a un "premio" dello 0,70 del comitato assessorile. Segue Varese (dottor Daverio), Mantova (Borelli), e poi Milano, dove Giacomo Walter Locatelli totalizza 95.17. E ancora: Monza e Brianza, Cremona, Como, Lodi, Valle Camonica e le altre due Asl di Milano, dove la 2 precede la 1, che viene addirittura penalizzata con un -1 dal comitato strategico interassessorile. Chiudono Sondrio e Pavia, dove Alessandro Mauri si piazza ultimo con 92.88.

Ma non ci sono solo nomi e numeri, in questa lista. C'è anche una nota finale interessante: il presidente Formigoni, l'assessore alla Sanità di Mario Giovanni Melazzini, l'assessore alla Famiglia Pellegrini e l'assessore al Bilancio Romano Colozzi firmano una nota nella quale, riguardo alle Asl, si elogiano le capacità di collaborazione delle Asl di Bergamo, Lecco e Varese. Per Milano 1, invece, si sottolineano "criticità nel mantenimento del buon clima aziendale in conseguenza del verificarsi di tensioni sindacali". Per quanto riguarda invece le Aziende Ospedaliere, si sottolinea che "l'azienda ospedaliera di Busto non completa aderenza nell'attuazione della programmazione regionale e l'AO Sacco non completo governo dell'accordo di programma per la realizzazione della nuova Piastra Laboratori"

@FabioAMassa

Tags:
esclusivo lista ospedali







A2A
A2A
i blog di affari
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.