A- A+
Milano

In vista di Expo 2015 c'e' un' emergenza furti e infiltrazioni mafiose. Lo ha affermato il procuratore aggiunto di Milano Edmondo Bruti Liberati durante la conferenza stampa un cui e' stato illustrato il bilancio di responsabilita' sociale del 2012-2013. "Expo 2015 vedra' per 6 mesi - e' scritto nel documento che riassume risultati e prospettive della Procura - a partire dal maggio 2105 il massiccio arrivo di addetti, operatori e vistatori per 6 mesi". Questo aumento della popolazione determinera', secondo il magistrato, "l'incremento di scippatori e borseggiatori". Inoltre sottolinea che occorre un monitoraggio particolare per i cantieri aperti per la realizzazione di opere in vista dell'Esposizione Universale e che "e' molto forte il rischio di infiltrazione da parte delle associazioni mafiose". Il procuratore auspica l'arrivo dal ministero di rinforzi per fare fronte alle "falle di organico" dell'amministrazione giudiziaria milanese con "interventi straordinari" per aumentare il personale amministrativo.

Tags:
expo bruti liberati







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.