A- A+
Milano

Autogol per Bobo Vieri e Cristian Brocchi, i due ex calciatori da tempo impegnati in attività imprenditoriali congiunte. I due sono finiti sotto inchiesta a Milano per il fallimento dell’ambiziosa Bfc&co spa, società di arredi di lusso naufragata con un buco di 14 milioni di euro.
  
Nei guai sono finite anche le madri dei due calciatori: Christiane Rivaux e Rossella Cerruti, entrambe con una carica sociale, insieme all’amministratore della società Fabio Arcuri. Perquisite le abitazioni degli indagati e le sedi della Sunny
srl di Prato e delle società Fillo e Tache Petit.
Che le cose stessero andando male lo si era capito già nel 2009 quando la relazione della situazione finanziaria della società aveva condannato la società al fallimento. “Il calo dei consumi – si leggeva – ha reso impossibile la continuità aziendale”.

La Bfc&Co è stata fondata nel 2004 ma già da quattro anni soffriva drammatiche perdite in bilancio. Una vita breve e difficoltosa: nelle due sedi, a distanza di pochi mesi l’uno dall’altro, sono scoppiati misteriosi incendi. Probabilmente si è trattato di dolo. Ora il pm Ascione vuole vederci chiaro e cerca di comprendere dove siano finiti i soldi che i creditori rivendicano.

 

Riceviamo e pubblichiamo:

La presente richiesta di rettifica viene formulata in nome e per conto della Baci & Abbracci Collezioni srl ed in relazione all’articolo dal titolo “Fallimento per Bobo Vieri e Cristian Brocchi: in Tribunale la Bfc&co spa” pubblicata al link http://affaritaliani.libero.it/milano/fallimento-per-bobo-vieri-110113.html in data 11 gennaio 2013.

In particolare in tale articolo viene testualmente riportato: “Nei guai anche le madri dei due calciatori, Christiane Rivaux e Rossella Cerruti — entrambe con una carica sociale — e l’amministratore di fatto della società, Fabio Arcuri già manager del marchio Baci & Abbracci)”.

Baci & Abbracci Collezioni srl rappresenta che il sig. Arcuri non è e non e mai stato “manager” della Società e che lo stesso ed i signori Brocchi e Vieri non hanno più alcuna connessione con Baci & Abbracci Collezioni srl da due anni.

Inoltre, BFC&Co è società del tutto estranea a Baci & Abbracci ed alle attuali compagini sociali ed amministrative di quest’ultima. Baci & Abbracci non ha mai intrattenuto alcun rapporto, diretto od indiretto, con BFC&Co che è ad essa completamente sconosciuta.

La Società ed il suo amministratore unico (che è tale sin dalla sua costituzione nell’anno 2004) si riservano ogni azione a propria tutela nei confronti di tutti gli organi di stampa non essendo ammissibile che, nonostante già pregresse smentite, ogniqualvolta le cronache trattino tematiche riferite ai signori Brocchi, Vieri ed Arcuri ed alla società BFC&Co, queste siano associate a Baci & Abbracci Collezioni con conseguente grave discredito di quest’ultima.

Si richiede ai sensi dell'art. 8 della legge 47 del 1948 (come modificato dall'art. 42 della legge 416 del 1981) che la presente lettera venga pubblicata sulla testata secondo le disposizioni di legge e che l’articolo suddetto venga immediatamente rimosso o emendato nella parte indicata.

Distinti saluti,

                                                                                                              

                                                                                                       firmato

Avv. Marco Mariano 

Tags:
bobo vieri brocchi







A2A
A2A
i blog di affari
Luoghi dell’anima: le “piccole case” di Bruno Messina
di Mariangela Turchiarulo
FSBA: ANNULLATE LE SENTENZE DEL TAR DEL LAZIO
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.