A- A+
Milano

Una impresa milanese su cinque avrebbe bisogno di credito, il 13% lo ha richiesto negli ultimi tre mesi ma solo l'8% lo ha ottenuto in modo integrale ed una su cinquanta se l'è visto rifiutato. Una situazione in cui, per gli imprenditori milanesi, per uscire dalla crisi è importante che il governo sostenga le imprese (93%) partendo proprio da una spesa pubblica che agevola di più i finanziamenti (60%). Lo dicono i dati del rapporto "economi" dell'ufficio studi della Camera di commercio di Milano di luglio 2013, realizzato attraverso Ipsos. Di accesso al credito, del ruolo di Confidi e sistema bancario si è parlato oggi in Camera di commercio di Milano in occasione del Convegno "Confidi, quale futuro?".

Diversi gli interventi della Camera di commercio di Milano per il credito. Ci sono interventi per la capitalizzazione d'impresa, come il "bando agevolacredito 2013" che mette a disposizione, tramite i confidi, 1 milione di euro per prestiti a tasso zero, contributi a fondo perduto e abbattimento del 50% del costo della garanzia, con una particolare attenzione a start up innovative o legate ad incubatori per le quali sono previste agevolazioni ad hoc che consistono nell'abbattimento totale del tasso di interesse e rimborso del 50% del costo della garanzia. Ci sono azioni per il capitale di debito, con la creazione di fondi di garanzia per facilitare l'accesso al credito delle imprese come le sezioni speciali per l'internazionalizzazione del Fondo centrale di garanzia con 18 altre Camere di commercio (che hanno messo a disposizione 15,6 milioni) e il Ministero dello Sviluppo Economico o il fondo di garanzia che controgarantisce i confidi a vantaggio delle micro, piccole e medie imprese, in particolare quelle di nuova costituzione, creato grazie all'accordo siglato con il Fondo Europeo Investimenti e sostenuto con 5 milioni di euro delle Camera di commercio lombarde: ad oggi, a valere dell'iniziativa Fei-Federfidi, sono state concesse garanzie solo nell'area milanese per 14 milioni a copertura di 28 milioni di finanziamenti. C'è poi Confiducia, fondo straordinario di co e controgaranzia del sistema Camere di commercio lombarde e Regione Lombardia, da 51 milioni di euro di cui oltre 10 stanziati dalla Camera di commercio di Milano, nato con l'obiettivo di contrastare la stretta creditizia attivando a livello regionale finanziamenti per circa 1 miliardo di euro (270 milioni sulla provincia di Milano), concedendo garanzie a 13.102 imprese lombarde. Il fondo si è chiuso nel 2011 ma i finanziamenti rimarranno in essere fino al 2018.

"Agevolare e mettere a disposizione delle imprese strumenti veloci e efficaci per poter accedere al credito - ha dichiarato Pier Andrea Chevallard, segretario generale della Camera di commercio di Milano - è necessario per rafforzare la capacità del nostro tessuto imprenditoriale di investire sul proprio sviluppo, soprattutto in un clima di crisi ed incertezza come quello che stiamo attraversando. E proprio sul tema del credito la Camera di commercio di Milano è impegnata anche quest'anno con una serie di iniziative di supporto alle imprese, in particolare alle start-up, ed in un percorso di collaborazione con i Confidi lombardi".

Tags:
credito lombardia







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.