A- A+
Milano
Fontana, un caffè col primo paziente Covid a Lodi

Fontana, un caffè col primo paziente Covid a Lodi

Il presidente della Regione Lombardia ha incontrato questa mattina a Lodi Mattia Maestri, il 38enne di Codogno considerato il 'primo paziente covid'. "Ho voluto incontrare Mattia – ha detto il governatore – perché  grazie  a lui è stato possibile scoprire l’esistenza di questo virus e lanciare quindi l’allarme non solo in Italia, ma anche in Europa e in tutto il mondo. Grazie a lui, dunque, e al coraggio dei medici di Codogno (Lodi) che hanno scelto di andare oltre ai protocolli, è iniziata questa lunga e dura battaglia. Altri studi hanno poi confermato che il Coronavirus stava già girando nella nostra regione sicuramente dall’inizio di gennaio e probabilmente anche prima”.

Il presidente della Regione è oggi a Lodi per la prima tappa del 'Piano Lombardia', l’iniziativa della Giunta che lo porterà in tutte le province per presentare una serie di interventi a tutto campo mirati a garantire la ripresa economico-produttiva del nostro territorio.

La Regione Lombardia ha infatti stanziato 3,5 miliardi di euro (per realizzare opere dal valore complessivo di 5,5 miliardi) con interventi previsti dal 2020 al 2023 in tutti i settori di competenza regionale.

Come sede della prima tappa è stato scelto Lodi proprio come territorio simbolo dell'inizio della pandemia. Durante la giornata, il presidente incontrerà nella sede della Provincia sindaci del territorio, esponenti degli Enti locali e delle organizzazioni di categoria economiche, accompagnato dall'assessore regionale al Territorio, Urbanistica e Protezione civile (coordinatore del tavolo territoriale della provincia di Lodi).

L’appuntamento successivo è al Parco tecnologico Padano dove sarà ricevuto dai responsabili della struttura e dai ricercatori. Il momento aperto ai giornalisti sarà la conferenza stampa convocata all'Ospedale Maggiore di Lodi. Nel pomeriggio il governatore si recherà in visita alla Fondazione Danelli e all'azienda Zucchetti.

Presidente Fontana incontra le due dottoresse che hanno rilevato il primo caso di Covid

unnamed (2)
 

Nell'ambito della visita di oggi a Lodi per la presentazione del Piano Lombardia, prima tappa di un tour che toccherà tutte le province lombarde, il presidente della Regione, accompagnato dal direttore generale dell'ASST Lodi Salvatore Gioia, ha incontrato le dottoresse Laura Ricevuti (medico di Medicina all'Ospedale di Codogno) e Annalisa Malara (anestesista e rianimatrice agli Ospedali di Codogno e Lodi) che lo scorso 21 febbraio hanno effettuato la diagnosi del primo paziente italiano Covid all'Ospedale di Codogno. "Ancora una volta - ha detto il governatore - ho ringraziato le due dottoresse. Un ringraziamento che simbolicamente va a tutti i medici, infermieri e personale sanitario che, con assoluta professionalità e grandissimo impegno, in ogni provincia della Lombardia sono state in prima linea per fronteggiare la pandemia".

Loading...
Commenti
    Tags:
    paziente 1paziente 1 codogno

    Regione Lombardia Video News









    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Sciami di robot guidati da artisti umani per creare composizioni pittoriche
    di Maurizio Garbati
    Regime terapeutico, nuovi poveri e primi disordini
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    SCRITTURE CONTABILI OBBLIGATORIE NELLA LEGGE 3/12 art. 9 comma 3


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.