A- A+
Milano

 

Paolo Berlusconi

di Fabio Massa

A settembre rinasce Forza Italia. A coordinare la "campagna d'agosto" è Daniela Santanché. Affissioni, pubblicità sul web, spot. Da Milano è ripartita l'onda azzurra. Che farà tabula rasa su tutta l'attuale nomenklatura pidiellina. Il primo a dover essere rinnovato è sicuramente il coordinatore regionale Mario Mantovani, che è anche vicepresidente della Regione Lombardia e assessore alla Sanità. Alcuni mesi fa Mantovani aveva ottenuto da Berlusconi la riconferma ad Arcore. Adesso con tutta probabilità cederà il passo. A un suo fedelissimo, però, visto che - d'accordo con Daniela Santanché - il prescelto dovrebbe essere Luca Squeri. Già assessore provinciale al Bilancio, attualmente è deputato. La "pitonessa" avrebbe già dato il suo placet al colonnello azzurro, che nel suo passato ha una lunga gavetta a San Donato Milanese. In più, a ben impressionare i vertici del partito è la sua appartenenza al ceto imprenditoriale del paese. La sua famiglia è infatti da sempre nel ramo della distribuzione della benzina. Se qualche settimana fa il nome di Luca Squeri era tra i papabili per la guida adesso, secondo quanto può riferire Affaritaliani.it, è lui il favorito senza se e senza ma.

Poi c'è tutta la partita riguardante la segreteria provinciale e quella cittadina. Anche in questo caso, sono da capire le "regole d'ingaggio" di una battaglia che sarà aspra. Soprattutto se Forza Italia vorrà aprirsi a una fase congressuale e non perpetuare il metodo delle nomine dall'alto. Il primo tentativo, nel Pdl, non è stato certo positivo, almeno su Milano. L'elezione del segretario provinciale era stata causa di uno scontro durissimo tra il presidente della Provincia Guido Podestà e Mario Mantovani. Alla fine aveva prevalso l'aennino Sandro Sisler, poi finito indagato e infine confluito in Fratelli d'Italia. Insomma, un pasticcio, visto a posteriori. A livello cittadino il coordinatore è Giulio Gallera, consigliere regionale ed ex capogruppo a Palazzo Marino. Anche nel suo caso, l'alleanza con Mantovani pare essere ormai un ricordo. Molto critico sulle nomine, Gallera è andato via via allontanandosi, per essere adesso collocato non certo tra i mantovaniani doc. Ma non è l'unico scontento. Per questo la battaglia si preannuncia dura. Ad essere delusi, ad esempio, sono i fedelissimi del fratello dell'ex premier, Paolo Berlusconi. Tutta una serie di nomine di esponenti a lui vicini non sono andate in porto. L'architetto Saldini non è approdato ad Ersaf, l'ex moglie Mariella Bocciardo (che Mantovani ha voluto come vicecoordinatrice) non è stata ancora scelta come commissaria liquidatrice di Navigli, il giornalista Gianandrea Zagato non è entrato nel Corecom, e - soprattutto - Paolo Romani non è diventato coordinatore regionale così come si aspettava l'editore del Giornale. Ce ne è abbastanza per scatenare una guerra interna al partito che deve ancora nascere. Una guerra che può essere ricomposta, manco a dirlo, solo ad Arcore...

@FabioAMassa

Tags:
forza italia mantovani







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Ascolti tv, ciclone Cavallaro al Tg4; bene Uno Mattina Estate e Siria Magri...
Di Klaus Davi


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.