A- A+
Milano
Galbani chiude due stabilimenti in Lombardia

Il gruppo Lactalis Italia ha annunciato l'intenzione di chiudere due stabilimenti Galbani in Lombardia; lavoratori e volumi produttivi dovrebbero essere riallocati negli altri impianti del gruppo. La notizia è stata diffusa dai sindacati dell'agroalimentare (Fai, Flai e Uila) dopo l'incontro tenuto in Assolombarda con la proprietà. I sindacati hanno reagito dichiarando la stato di agitazione con il blocco di tutti gli straordinari. Lactalis, afferma una nota "ha comunicato l'esigenza di un nuovo piano industriale che, partendo dalla necessita' di ridurre i costi industriali, prevede la chiusura dello stabilimento di Caravaggio (Bergamo) che occupa 218 dipendenti e il reparto Gorgonzola di Introbio (Lecco) che occupa 8 dipendenti".

L'azienda ha dichiarato di voler riallocare i lavoratori negli stabilimenti di Casale Cremasco, Certosa e Corteolona che acquisiscono le produzioni. Il coordinamento unitario dei sindacati ha espresso un giudizio "estremamente negativo", in quanto "tale decisione modifica sostanzialmente la strategia del gruppo francese, decidendo di intervenire in modo drastico sulla struttura Lactalis/Galbani in Italia". Oltre allo stato di agitazione e al blocco degli straordinari, i sindacati avvieranno una campagna di informazione negli stabilimenti coinvolti, e chiederanno un incontro urgente sia con l'azienda che con gli enti locali.

Lactalis ha acquisito Galbani nel 2006. Il gruppo Lactalis Italia comprende anche marchi come Invernizzi, Cademartori, Locatelli, mentre Parmalat è controllata separatamente dalla casa madre francese. Nello stabilimento di Caravaggio si lavorano 250mila tonnellate di latte e si producono 40mila tonnellate di formaggi tra taleggio, quartirolo e gorgonzola, mentre a Introbio si trovano le celle di affinatura per il gorgonzola.

Tags:
galbani







A2A
A2A
i blog di affari
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.