A- A+
Milano

Un quarto delle imprese italiane del settore e 800 milioni di euro di import. Sono i numeri del gas naturale in Lombardia nel 2013. Un settore che è concentrato nella provincia di Milano e ha come partner internazionale esclusivo il Qatar. Emerge da un’elaborazione Camera di commercio di Milano su dati del registro imprese ed Istat al secondo trimestre 2013 e 2012. Le imprese del settore gas. Sono 177 le imprese attive in Lombardia nel comparto gas tra estrazione, produzione, distribuzione, commercio e trasporto, il 25,6% del totale italiano del settore (691 imprese), +2,9% in un anno. La Lombardia pesa in Italia soprattutto nei settori del commercio di gas distribuito mediante condotte e del trasporto concentrando rispettivamente il 31,1% e il 47,8% delle imprese nazionali. Milano è prima con 106 imprese attive, il 59,9% lombardo e il 15,3% italiano, in crescita dell’8,2% in un anno. In Italia sul podio, dopo Milano, salgono Roma (6,1% del totale nazionale) e Napoli (3,3%). Import di gas naturale nel 2013. Nei primi sei mesi del 2013 la Lombardia, tramite Milano, ha importato gas naturale per quasi 800 milioni di euro, il 7,7% di tutto il gas naturale arrivato nel Paese (oltre 10 miliardi di euro). Il gas usato dai milanesi e lombardi arriva tutto dal Medio Oriente, in particolare dal Qatar (100% dell’import) mentre principali fornitori dell’Italia sono i paesi Europei (57% dell’import) soprattutto la Russia (3,9 miliardi di euro, 38% del totale import). Delle novità legislative per le società di distribuzione del gas si è parlato in questi giorni in Camera di commercio di Milano nel corso del seminario “L’impatto della direttiva Md sulla realtà nazionale”. Verifica dei contatori del gas, obblighi dei titolari, tipologia di prove e misura, marcatura Ce e vigilanza alcuni dei temi trattati.

Tags:
gas lombardia







A2A
A2A
i blog di affari
"Unite civilmente, se una delle due morisse a chi va l'eredità?"
di Avv. Violante Di Falco *
De Donno, eroe della medicina democratica che non piaceva ai potenti D. FUSARO
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.