A- A+
Milano

 

DELISI: "BOERI? IL PD SOSTENGA IL SINDACO"

Francesco De Lisi è uno dei consiglieri comunali del Pd più giovani. Con Affaritaliani.it prova a spegnere gli ultimi fuochi della vicenda Boeri: "Partita difficile, ma adesso bisogna fermare i personalismi e sostenere il sindaco come abbiamo fatto nel momento in cui Boeri ha perso le primarie"

La nomina di Bertolè come è andata?
E' stata condivisa, ci siamo confrontati con serietà e pacatezza e siamo usciti in modo unitario e coeso.

Che cosa ne pensa dell'affaire Boeri?
Nel discorso di Boeri il sindaco ha utilizzato le prerogative, per una questione di suddivisione dei ruoli sancita per legge. Nel momento in cui si rompe un rapporto fiduciario, è una questione tra l'assessore e il sindaco. Sta di fatto che comunque Boeri ha significato molto per noi, ma non dobbiamo confondere i ruoli.

Il Pd è stato colpito...
E' indubbio che la partita è stata complicata e difficile. Non ci possiamo nascondere. Però credo che il compito del Pd sia di stare dietro al sindaco: rappresenta il progetto che abbiamo sposato, dell'idea di città che abbiamo. Come abbiamo fatto nel momento in cui Boeri ha perso le primarie, nella stessa logica dobbiamo essere scevri da personalismi oggi.

L'appello all'unità dei consiglieri comunali al Pd come dobbiamo interpretarlo?
Stiamo vivendo sicuramente un momento critico. Le vicende delle elezioni nazionali sono sotto gli occhi di tutti. In questo momento il Pd deve essere ancora più unito e compatto di sempre. Altrimenti non sappiamo come affrontare la drammaticità del contesto. Si discute, ci si confronta, si fa sintesi e poi ci si mette tutti a disposizione.

di Fabio Massa

Gabriele Ghezzi, poliziotto, consigliere comunale che si era schierato a favore di Renzi ai tempi delle primarie, elogia la scelta di Lamberto Bertolè alla guida del gruppo. E poi, in un'intervista ad Affaritaliani.it, attacca: "Dispiace per Boeri, è stato un sacrificio enorme. Ma non è che adesso andiamo avanti a parlare di Boeri. La vicenda è uno spartiacque nei rapporti tra giunta e consiglio: in questi anni ci siamo sentiti sfruttati, umiliati, come degli schiaccia-pulsanti. Non c'è mai stato coinvolgimento"

Consigliere Ghezzi, la scelta di Bertolè come capogruppo è all'insegna dell'unità...
Abbiamo eletto Bertolè ed è un bel segnale di compattezza. Abbiamo trovato la sintesi giusta. Abbiamo apprezzato il discorso di Bertolè dopo la cacciata di Boeri. Allo stato attuale, a Milano, chi incarna veramente l'unità del partito è solo il gruppo consigliare del Pd in Comune.

Perché? Che cosa bisogna fare adesso?
Io penso che si debba prendere ad esempio il gruppo comunale per un rilancio del partito. Presto andremo a congresso: almeno per riempirlo di contenuti, sarà centrale la discussione sul rapporto che la federazione deve avere con gli eletti. Non soltanto del consiglio comunale, ma di tutti: dalla Regione alle città limitrofe alla Provincia. Questo diventa fondamentale.

Ci sono state carenze nel passato?
Ci sono state molte carenze. E' evidente da questo punto di vista. E' importante che ci sia una discussione su questo. Il partito diventa autorevole se riesce ad essere protagonista anche nei rapporti che ci devono essere con i sindaci non del Partito Democratico. Come a Milano.

La vicenda Boeri ha causato una ferita al partito?
Questo è certo. Ma bisogna chiuderla. Dispiace per Boeri, è stato un sacrificio enorme. Ma non è che adesso andiamo avanti a parlare di Boeri. Chiudiamo questa faccenda, c'è una città da governare. Però è certo che questo episodio fa da spartiacque nei rapporti tra giunta e consiglio comunale. Pisapia questo lo sa perfettamente: molti assessori non si sono mai confrontati o collegati con il consiglio comunale e la maggioranza. Loro lavorano ma non sfruttano le nostre competenze. Abbiamo sofferto molto in questi due anni: ci siamo sentiti quasi inutili, come quelle persone che dovevano accettare tutte le iniziative amministrative, come degli schiaccia-pulsanti. Non c'è stato mai un coinvolgimento da questo punto di vista.

@FabioAMassa

Tags:
ghezzi boeri







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.