A- A+
Milano
Giulio Cavalli torna a Milano con "Nomi cognomi e infami"

Al Teatro della Cooperativa per una settimana sarà presentato lo spettacolo di Giulio Cavalli “Nomi cognomi e infami”.

E’ possibile riprendere in mano la memoria senza la solita liturgia di commemorarla ma con la passione di esercitarla? Noi siamo un paese strano: abbiamo 500 anni di storia di giullari che riescono attraverso il sorriso a mostrare il “re nudo” e invece ci chiudiamo nelle stanze del ricordo come fosse un feticcio. Peppino Impastato e i cantastorie molto prima ci hanno insegnato che dietro un sorriso ci sta l’arma più potente per sgretolare il potere. Anzi: il potere diventa prepotente perché non riesce a governare secondo le regole.
E allora serve recuperare quella lezione per portare in scena l’erosione dell’onore, per attivare un antiracket culturale che passi attraverso i vizi, le pateticità e le incongruenze degli uomini di mafia che sono riusciti ad imporsi nell’immaginario collettivo grazie ad un “concorso culturale esterno alla mafia”.

NOME COGNOMI E INFAMI è nato come viaggio tra storie di persone “normali” diventate eroiche per la pavidità tutta intorno, da Peppino Impastato a Paolo Borsellino, da Libero Grassi a Bruno Caccia fino ai riti e conviti mafiosi che brillano in tutta la loro povertà culturale ed etica. Il canovaccio di NOMI COGNOMI E INFAMI è quello che ci succede intorno: le città cambiano forma per dare forma ai soldi che vanno riciclati, gli episodi di mafia che non vengono riconosciuti come tali e che basterebbe mettere in fila e soprattutto i nomi e i cognomi e questa abitudine persa di indicare i colpevoli per esporli ad un giudizio pubblico. Dice Mark Twain che “non bisogna avere paura di ciò che non si conosce ma di ciò che crediamo vero e invece non lo è”: noi in scena proviamo a ridere e disarticolare la nostra paura.

…”Caro picciotto, o se preferisci, visto che hai imparato a pettinarti e vestirti pulito, caro estorsore, o, se preferisci, caro esattore. E poi caro al tuo capo ufficio, quello che sta seduto a contare i soldi quando alla sera raccoglie le mesate del mandamento, quei soldi che vi auguro che vi marciscano in mano. E poi cari a tutti i falliti, perché è da falliti mangiare sulla metastasi della paura degli altri, oppure, per capirsi meglio, cari a tutti gli uomini d’onore, così ci capiamo meglio, così vi prendiamo dentro tutti ed entriamo subito in tema. Sono un commerciante di parole, a volte me le pagano bene, e arrotondo sempre il peso prima di chiudere la vaschetta. (…) Questa sera apro la saracinesca fuori orario e vi vengo a cercare io, ma mica per i cinquecento euro così sto messo a posto, ma perché avrei, dico almeno, un paio di domande, una cosa da niente, mica per capire dove non c’è niente da capire, ma per togliermi il peso. Il peso di una curiosità che alla fine cercate sempre di farci pagare nel mercato della vigliaccheria di cui siete i detentori.”… G.C.

Teatro della Cooperativa (11/16 marzo 2014)

ORARI:  feriali h. 20.45 e festivo ore 16 –     
PREZZI:  intero 18 € - ridotti 13/9 €
www.teatrodellacooperativa.it  - Via Hermada 8, Milano – tel. 02.64749997
Ufficio Stampa: Maurizia Leonelli – 347.5544357 – maurizia.leonelli@alice.it

Tags:
giulio cavalli







A2A
A2A
i blog di affari
FSBA: ANNULLATE LE SENTENZE DEL TAR DEL LAZIO
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.