A- A+
Milano
Guerra in Procura di Milano, chiesto il trasferimento di Robledo

Avviare la procedura di trasferimento d'ufficio per incompatibilita' nei confronti del procuratore aggiunto di Milano, Alfredo Robledo. Questa la proposta che il togato indipendente Nello Nappi e il laico di centrodestra Niccolo' Zanon, hanno avanzato in vista del plenum del Csm di domani in cui si parlera' dello scontro in Procura a Milano.

Secondo Nappi e Zanon, infatti, la condotta tenuta da Robledo dimostrerebbe l'intenzione di delegittimare il procuratore capo Bruti Liberati: in particolare, i due consiglieri di palazzo dei Marescialli rilevano che Robledo non ha 'denunciato' i vari fatti via via che si verificavano, ma li ha indicati, anche a distanza di molto tempo, solo nell'esposto che ha presentato al Csm lo scorso marzo e che ha dato il via all'istruttoria condotta dall'organo di autogoverno della magistratura.

Nella loro proposta, Zanon e Nappi osservano che, dall'istruttoria condotta al Csm in seguito dell'esposto presentato da Robledo, non emergono particolari violazioni, da parte di Bruti Liberati, di regole organizzative, se non motivate da ragioni di portare avanti rapidamente le inchieste. Inoltre, i due consiglieri ricordano che il capo dell'ufficio di Procura ha, secondo quanto prevede la legge, la titolarita' esclusiva dell'azione penale

Tags:
procura milano







A2A
A2A
i blog di affari
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.