A- A+
Heroes. Dove sono finiti gli idoli
Renzi e Berlusconi? C'è un precedente illustre: Inter e Milan

Per alcuni è stata una necessaria presa d'atto, una sana operazione di realismo politico. Per altri ha rappresentato l'inizio della fine, la rinuncia alla propria identità e financo il superamento della barriera del disgusto.

Qualunque opinione se ne abbia nel merito, l'espressione “patto del Nazareno” ha fatto irruzione nel lessico politico italiano nell'ormai lontano gennaio del 2014, quando Renzi e Berlusconi si sono incontrati nella sede romana del PD in via del Nazareno. Per metonimia, si è arrivati a definire in questo modo un summit tanto dirimente per le sorti del Paese quanto tuttora misterioso nei suoi contenuti e nella sua effettiva realizzazione.

Di fronte ad un evento così rilevante, i calciofili di buona memoria non hanno potuto esimersi dal sorridere, ripensando a quando esisteva invece il “Patto del Nazzareno”, diverso non tanto nella doppia Z, quando nei contenuti.

Bisogna tornare con la mente al 1982, quando accordi politici tra destra e sinistra sarebbero stati impensabili e nemmeno il passaggio di giocatori tra Milan e Inter veniva visto di buon occhio. I continui scambi di cartellini che sarebbero diventati di moda a cavallo tra gli anni Novanta e Duemila allora non erano nemmeno immaginabili. Saltare da una parte all'altra del Naviglio era una rarità, una stramberia che si potevano permettere solo pochi personaggi di rilievo come Giuseppe Meazza, Giorgio Ghezzi o Lorenzo Buffon.

Il 1982, anno del trionfo mondiale, rappresentò un vero e proprio spartiacque, soprattutto per la presa di posizione di Fulvio Collovati. Lo stopper della nazionale di Bearzot era retrocesso con il Milan (di cui era capitano) e, a differenza di Franco Baresi, non ne voleva sapere di accettare il declassamento in Serie B.

Si fece quindi avanti l'Inter, che lo pagò profumatamente, ma il suo “tradimento” non poteva assolutamente essere perdonato dai tifosi rossoneri. Erano altri tempi, nei quali la fedeltà ai colori sociali valeva ancora qualcosa.

Per tranquillizzare gli animi, i nerazzurri dovettero fare un ulteriore sacrificio e dare ben tre giocatori in prestito ai cugini, per aiutarli a tornare subito in Serie A. Ne venne scelto uno per reparto: lo stopper Nazzareno Canuti, il terzino/mediano Giancarlo Pasinato e l'attaccante Aldo Serena.

Diversamente dai due compagni di squadra, entrambi veneti, Canuti si distingueva per essere lombardo (del mantovano), autenticamente tifoso interista e cresciuto nel vivaio nerazzurro. Accettare il trasferimento al Milan fu per lui un atto dovuto, sia perché allora i giocatori non si sognavano nemmeno di contestare certe scelte, sia perché consono con l'abnegazione di un giocatore arrivato ai massimi livelli della Serie A senza avere i tratti del predestinato.

Per arrivare all'Inter aveva dovuto superare un provino, a 14 anni, dall'andamento piuttosto strano. Si era presentato come ala destra, ma pur venendo accettato si sentì dire che doveva retrocedere in difesa, perché di esterni ce n'erano già troppi. Anche come stopper, Canuti era piuttosto rude, non particolarmente raffinato dal punto di vista tecnico. Tuttavia, compensava ampiamente i propri limiti con la prestanza atletica e l'abilità nel gioco aereo, pur non essendo un gigante, coi suoi 181 cm di altezza.

Dopo la trafila del settore giovanile, aveva debuttato in prima squadra nel 1975, con Chiappella allenatore, e in sette anni nerazzurri ha conquistato lo Scudetto del 1980, più due Coppe Italia ed il Mundialito del 1981, nel quale aveva peraltro indossato la fascia di capitano che solitamente toccava a Graziano Bini.

Nei suoi primi passi con i “grandi” era stato accompagnato da autentici miti come Facchetti e Mazzola, che invece stavano giocando le loro ultime partite. In 130 presenze con l'Inter, Canuti ha realizzato un solo gol e relativamente alla nazionale la sua carriera si è fermata a 12 presenze con l'Under 21. Pur essendo stato inserito nella lista dei 40 preselezionati per i mondiali del 1978 e del 1982, alla fine è stato tagliato in entrambe le occasioni. Il suo rapporto con Bearzot non è mai stato idilliaco, anche perché durante uno stage il “Nazza” si era permesso di suggerire la convocazione di Bini, con il quale formava una coppia affiatatissima al centro della difesa interista.

Nella sua unica stagione al Milan, Canuti ha giocato accanto a Baresi, diventato il nuovo capitano della squadra, ed ha fornito il suo contributo alla promozione con 31 presenze, da sommare alle 33 (con 7 gol) di Pasinato e alle 20 (con 8 gol) di Serena. A fine stagione, tutti e tre hanno lasciato i rossoneri, ma hanno seguito percorsi diversi.

Se vuoi conoscere la fine di questa storia, clicca QUI

 

 

Tags:
renzi berlusconiinter milan
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Bonus Inps e i furbetti: sdegno e levate di scudi. Ma quando capita ai comuni cittadini...
Di Massimo Puricelli
Rinnovo del passaporto tra genitori separati o in pessimi rapporti: come fare?
di Avv. Flaminia Rinaldi*
Una sceneggiatura teatrale scritta dall'intelligenza artificiale
Maurizio Garbati


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.