A- A+
Milano

di Fabio Massa

Qualche pensiero sparso. Primo: Maurizio Martina è sul banco degli imputati in qualità di segretario regionale del Partito Democratico. Ha perso, ed è giusto essere giudicati con severità. Fa strano che si sia già dimenticato il fatto che se ne poteva andare a Roma tranquillo tranquillo e invece è rimasto a combattere in Lombardia. Nessuna buona azione rimarrà impunita. Secondo: com'è che quando il Partito Democratico prende il 30 per cento a Milano e Pisapia diventa sindaco, ha vinto Giuliano Pisapia; e quando invece Pisapia sostiene e insegue Ambrosoli (che poi perde), ha perso il Partito Democratico? Terzo: com'è che quando c'è da scegliere (nominare?) lo sfidante per la Regione (una volta Penati, oggi Ambrosoli), sono sempre tutti uniti. E quando poi c'è da tirare le somme i salotti spariscono (non sono mai esistiti, non contano nulla, siete voi giornalisti maliziosi che vi sbagliate), i civici (arancioni o no) diventano afoni e gli spin doctor ottuagenari non si rassegnano alla pensione (dorata). Com'è 'sta cosa?

@FabioAMassa

PS: Ma una parolina da Enrico Letta, primo a lanciare Ambrosoli, ce la vogliamo aspettare oppure il silenzio è d'oro?

Tags:
civici arancioni






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.