A- A+
Milano

Erminio Quartiani è un galantuomo. Dotato anche di intelligenza, visto che a poche ore dall'annuncio delle liste, prende la palla al balzo e manda una lettera al segretario nella quale scrive che "i voti non mi sono bastati per trarre la conclusione  di poter godere del consenso necessario a proseguire l’esperienza di deputato o senatore". Intelligente, Quartiani. E forse pure furbo, perché vedersi - là in basso - nella lista di quelli che furono e non saranno sarebbe stato quantomeno deprimente. Brutto. Brutto come il 34esimo posto al senato per Enrico Farinone. O come quel Matteo Colaninno riparacadutato al quarto posto del collegio Lombardia III. O triste come il 20esimo posto Guido Galperti o come il 16esimo posto di Sandro Gozi. O - ancora - come il 13esimo posto di Ermete Realacci. Chissà che le mazzate delle primarie per i parlamentari - tenacemente volute da Giuseppe Civati - non insegnino che, una volta a Roma, bisogna continuare a coltivare il consenso sul territorio. E non sperare necessariamente di venir giù con l'ultima pioggia, come si dice in Lombardia, degli imbucati di testa.

@FabioAMassa

Tags:
spettacolo liste






A2A
A2A
i blog di affari
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.