A- A+
Milano

di Gabriele  Ghezzi,
vice Presidente della Commissione Sicurezza del Comune di Milano e Consigliere Comunale PD

Penso sia utile fare un poco di chiarezza su quanto emerso dalla visita degli avvocati della Camera Penale di Milano presso il CIE di Via Corelli.
I CIE e i CARA (Centro Accoglienza Rifugiati Asili) sono presenti in tutti i paesi europei, essi rappresentano la vera architrave della politica migratoria europea indirizzata a governare l'immigrazione irregolare.
L'Unione Europea, attraverso questi centri, impone ai paesi membri garanzie precise al fine di essere in grado di espellere i clandestini.
Sono le modalità operative nella gestione della permanenza degli extracomunitari irregolari l’unica competenza che gli stati membri devono assolvere in modo autonomo.
Detto questo appare aleatorio proporre la chiusura sic e sempliciter dei centri in questione, meglio sarebbe introdurre un nuovo dispositivo legislativo che sostituisca in toto la legge 286/98, la c.d. "Bossi/Fini".
Sarebbe opportuna una legge che abbia quella necessaria flessibilità d'applicazione e che contempli le variabili della politica migratoria; norme che considerino un grado di applicazione e di operatività omogenea con altri paesi europei, frutto di indicazioni univoche.
Ripensare ad una nuova legge consentirebbe di affrontare il fenomeno migratorio con strumenti più idonei e di maggiore sensibilità sociale e comunitaria.
E’ necessaria una vera e propria democratizzazione dei procedimenti, svincolando in primis la Polizia di Stato dall'incombenza prettamente amministrativa e burocratica affidando alla stessa un mero compito di controllo.
Cancellare una legge che i sodali di De Corato ci hanno lasciato in eredità e che è una vergogna per il nostro paese è più che una priorità, pensare di poterlo fare chiedendo periodicamente la chiusure dei CIE è una strategia fallibile.

Tags:
cie via corelli






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.