A- A+
Milano

Sono stati in piedi tutta notte a fare quello che sanno fare: trattare. Poi all’alba, gli uomini del sindacato di Cgil, Cisl e Uil hanno piegato Rotelli e i suoi manager. E l’accordo è stato firmato. Per i 3000 dipendenti dell’ospedale, finalmente, una giornata serena. Rientrati tutti i licenziamenti in cambio di uno “sconto” sul salario del 9%. Ora l’assemblea. E d’altra parte gli infermieri, gli impiegati, i medici e tutto il personale dell’ospedale, fondato da Don Verzè, avevano capito da tempo che la stagione delle vacche grasse era finita. Le frange del sindacato autonomo avevano provato a resistere, con una discreta dose di irrealismo e l’ospedale era partito coi licenziamenti. Ora, quella che era, e potrà tornare ad essere, una delle eccellenze sanitarie lombarde, con qualche sacrificio dei lavoratori, potrà marciare a pieno regime.

Daniele Bonecchi

Tags:
commento sindacato







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.