A- A+
Milano
Il Pd a Pisapia: "Sulla città metropolitana devi essere meno tiepido"

di Fabio Massa

Massimo Sacchi, responsabile enti locali del Partito Democratico e sindaco di Settimo Milanese, in un'intervista ad Affaritaliani.it lancia un appello sulla città metropolitana: "Occorre mettere il piede sull'acceleratore. Gli altri partiti della sinistra sono un po' tiepidi. E invece c'è bisogno di fare in fretta. Lo dico anche a Giuliano Pisapia. Il Pd sta facendo questo lavoro da due anni". INTERVISTA DI AFFARI

Massimo Sacchi, a che punto siamo sulla città metropolitana?
Il Pd sta lavorando forte da due anni. Noi ci crediamo molto. Occorre costruire un progetto politico e culturale. Bisogna fare sì che nasca una politica metropolitana "responsabilmente ottimista". Le potenzialità sono tante, per questo sono ottimista. Ma bisogna essere responsabili, e quindi molto concreti.

Quali competenze dovrebbe avere la città metropolitana? Majorino ha innescato una polemica sulla sanità...
Noi abbiamo presentato un CityAct e un documento sulle partecipate. Entrambi vanno nella direzione di costruire un progetto politico e culturale. Sulla questione della sanità dobbiamo essere cauti e approfondire argomenti che non erano stati ancora approfonditi. C'è bisogno di un confronto che non era ancora avvenuto. In questo senso, l'assessore Majorino lancia un segnale, ci bacchetta dicendo "coinvolgete l'assessorato di competenza". Ma lo vedo in termini assolutamente propositivi e positivi.

Che cosa pensano di questa accelerazione del Pd sulla città metropolitana gli altri partiti della sinistra?
Io credo che debbano anche loro dare un'accelerata. In loro vedo un po' più di tepore rispetto al nostro calor bianco. Devo dire che all'assessore Benelli, che è bravissima e stava facendo benissimo sulla città metropolitana, è stata affibbiata anche la delega alla Casa, che è mostruosa da gestire. Qualche rallentamento è legato sicuramente anche a questo.

Dovrebbe intervenire Pisapia su questa questione?
Un sindaco di una città grande come Milano, di fronte a un'incognita come la città metropolitana, ente evocato da così tanti anni e mai realizzato, può avere qualche legittimo timore. Noi come Pd abbiamo il compito di convincere il sindaco di Milano a lanciarsi con più coraggio. Io vorrei dire al sindaco di fidarsi di noi perchè noi vogliamo davvero fare questo processo di costruzione in termini molto partecipati ma guidato da lui.

Quando si concluderà questo processo "politico" di costruzione?
Il processo politico va di pari passo con la costruzione dello statuto. Ragionevomente si partirà proprio dalla conferenza statutaria: là si delineeranno i compiti e i contenuti. Come Pd noi abbiamo in qualche modo premuto per cercare di anticipare il più possibile per anticipare i tempi delle elezioni della conferenza statutaria. Il Comune di Milano preferisce vedere lo svolgimento delle elezioni del 25 di maggio. Noi preferivamo muoverci prima, perché il tempo stringe. Ripeto: Pisapia si fidi di noi.

@FabioAMassa

Tags:
pd pisapia







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.