A- A+
Il Talebano - Provocazioni da destra
Stop ai saluti romani. Ma per Ramelli un murales in città
Giuliano Pisapia alla cerimonia per Sergio Ramelli

Il gesto del sindaco Beppe Sala di andare a commemorare Sergio Ramelli è stato un gesto maturo, saggio, da Sindaco. (In foto, Pisapia che già andò a onorare Ramelli, ndr)

Nonostante le intimidazioni ideologiche, che le sinistre ogni anno in occasione del 29 aprile mettono in atto per ghettizzare la memoria del 17enne (ucciso nel 1975 massacrato a colpi di chiave inglese in testa solo perché di destra) per tenerne nell’angolo il ricordo e escluderlo dalla storia di Milano. La stessa sinistra che ogni anni fa della morte di Davide Cesari (Dax) una bandiera politica invece che un altro (triste) tassello della storia della città.

Sala non ha negato l’omaggio a Ramelli affermando: «Nessuna polemica inutile, io ho realisticamente dichiarato la mia disponibilità ad affrontare con più serenità questa pagina difficile di Milano, perché la città deve andare avanti e dobbiamo farlo per i giovani». Giustissimo. Sala ha anche specificato di non accettare però i saluti romani. Riflessione che contiene una sfida che, oggi, chi commemora Ramelli deve cogliere.

Sala deve capire che per fare di Ramelli & Co. una vicenda che le nuove generazioni affrontino con serenità in modo da andare avanti e averne insegnamento, il Sindaco deve essere il primo ad affrontarla non a titolo personale bensì a titolo istituzionale. La fascia se la deve mettere perché la fascia rappresenta il passaggio fondamentale che oggi manca: ridare alla vicenda di Ramelli la dignità che si merita, quella di pezzo di storia ufficiale e riconosciuto di Milano.

Ma per ottenere questo importante di qualità è necessario che anche chi commemora Ramelli faccia un passo: quello di raccogliere il guanto lanciato da Sala e approfittare della sua disponibilità per dare al ricordo di Sergio una connotazione non politica ma storica. Bisogna dimostrarsi capaci di consegnare Ramelli alla città rinunciando a custodirlo gelosamente. Facendo esattamente il contrario di quel che fa la sinistra con Dax.

E per sancire questo passaggio, a Sala ripropongo un’idea già lanciata lo scorso anno: un grande murales in città per Sergio. Murales perché è arte di strada e dunque il miglior modo per ricordare una storia compiuta sulla strada. Murales ma non come quello fatto per Dax, sfruttato per fomentare odio. Murales come quello per Bobby Sands a Belfast. Un murales positivo che lo sottragga a conflitti e censura e dia come messaggio: Ramelli è parte dell’identità di questa città.

Vincenzo Sofo (Lega Nord)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
saluti romaniramettimuralessofo
i blog di affari
Il New York Times minimizza l'omicidio del ricercatore italiano Davide Giri
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Italia 2^ in UE per abbandono universitario
Massimo De Donno
Super Green Pass, boom di disdette: la distruzione di economia e lavoro
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.