A- A+
Milano
Inchiesta Coronavirus, Fontana davanti ai pm di Bergamo
Attilio Fontana

Inchiesta Coronavirus, Fontana davanti ai pm di Bergamo

Il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana  in procura a Bergamo per essere sentito come persona informata sui fatti nell'indagine sulla gestione dell'emergenza Coronavirus. Il governatore si è presentato puntuale alle 10 davanti al pool dei pm coordinato dal procuratore Maria Cristina Rota che indaga sulla riapertura del pronto soccorso dell'ospedale di Alzano e sulla gestione dei pazienti nelle Rsa. Tema dell'audizione in particolare la mancata istituzione della zona rossa ad Alzano e Nembro all'inizio dello scorso marzo. Ieri è stato il turno dell'assessore Giulio Gallera e del direttore generale della Sanità, Luigi Cajazzo.

In base alle prime indistrezioni, il governatore lombardo Attilio Fontana avrebbe ribadito che l'istituzione della zona rossa nei primi giorni di marzo che avrebbe dovuto isolare Nembro e Alzano Lombardo era "pacifico" che fosse una decisione che "spettava al Governo", dato che era gia' stato inviato l'esercito. Fontana ha anche fornito alcuni ragguagli sul caso del pronto soccorso dell'ospedale di Alzano e negato di aver ricevuto "pressioni" dal mondo economico sempre in merito alla mancata creazione di una zona rossa. 

La protesta: "Fontana, Bergamo non dimentica"

Fuori dalla Procura di Bergamo un presidio di contestatori di Fontana. Un gruppo di cittadini composto da poche decine di persone, con anche alcuni sindacalisti, ha srotolato uno striscione bianco con scritto "Fontana, Bergamo non dimentica" e un insulto in rosso. La protesta in particolare riguarda la mancata istituzione della zona rossa nella Bergamasca. Con un altro cartello si contestano anche gli industriali lombardi: "Confindustria. No zona rossa in Valseriana. Tranquilli ci ha pensato Fontana", si legge. Nel mirino della protesta anche l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera e Stefano Scaglia, presidente della Confindustria di Bergamo. Un manifestante con un megafono sta spiegando i motivi della protesta: "15mila morti in Lombardia, non ci dimenticheremo di questa strage".

Dall'incontro avuto ieri con i magistrati di Bergamo, che lo hanno sentito come persona informata sui fatti, l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, ha avuto "un'impressione positiva, di persone che vogliono approfondire in un clima di grande serenita' e collaborazione". Lo dice ai giornalisti a margine dell'inaugurazione della nuova terapia intensiva dell'ospedale Sacco di Milano. "Noi siamo qua per dare i giusti approfondimento ed evidenziare la totale correttezza della Regione" aggiunge. Gallera non si e' detto preoccupato "nella maniera piu' assoluta" dell'indagine

Loading...
Commenti
    Tags:
    inchiesta coronavirusgestione coronaviruszona rossa bergamoalzanoregione lombardiaattilio fontanagiulio gallera










    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Investimenti strutturali zero, solo spesa e niente ripresa
    Oliviero Widmer Valbonesi
    "Affitto, non ho pagato alcuni canoni. Come posso evitare lo sfratto?"
    Di Andrea Prati *
    Sovranismo socialista e democratico? Si richiama alla Costituzione
    Di Diego Fusaro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.