A- A+
Milano

Nella serata di ieri sera il Consiglio Comunale di Sedriano è stato sciolto dal Consiglio dei ministri a causa di infiltrazioni mafiose: "Al fine di consentire le operazioni di risanamento delle istituzioni locali, nelle quali sono state riscontrate forme di condizionamento della vita amministrativa da parte della criminalità organizzata" citando il comunicato diffuso da Palazzo Chigi. "Si tratta del primo comune in Lombardia" afferma Emilio Ballará, responsabile Enti Locali per Sinistra Ecologia Libertà "una primogenitura che non solo noi, ma tutta Sedriano avrebbe volentieri evitato".

"Questo scioglimento avviene dopo un anno di continui rifiuti alle dimissioni da parte del Sindaco Celeste e di alcuni esponenti della sua giunta" continua Ballará "è quindi chiaro come su Sedriano la vergogna dello scioglimento arrivi a causa non solo delle collusioni di politici di CentroDestra con ambienti 'ndranghetisti ma anche per l'incapacità cronica di una certa categoria di politici, se possiamo chiamarli tali, di comprendere come le istituzioni non siano luoghi di corruzione e di ammettere i propri errori". "Da questa situazione esiste solo una via d'uscita" conclude l'esponente di Sel "riportare al centro della vita pubblica la Buona Politica, sinonimo di Trasparenza, di Bene Comune, di interesse per il proprio territorio e non per le proprie tasche. Noi ci siamo, e siamo sicuri che i cittadini di Sedriano saranno dalla nostra parte".

Tags:
infiltrazione mafiose







A2A
A2A
i blog di affari
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.