A- A+
Milano

 

L'INIZIATIVA

E’ stata presentata ieri, nel Salone d’Onore della Triennale di Milano, l’iniziativa Eni T-card studenti. Per un intero anno Eni e la Triennale di Milano offrono la possibilità di accedere liberamente alle mostre organizzate dalla Triennale e dal Triennale Design Museum.

La Eni T-card coinvolgerà 90.600 studenti che si dedicano allo studio e allo sviluppo della creatività e del design, individuati tra 29 atenei e scuole di alta formazione nel quadrilatero Torino, Milano, Verona e Bologna.

Il progetto conferma la formula Eni che promuove l’accessibilità della cultura in tutte le sue diverse espressioni e l’attenzione da parte della società verso le famiglie e in questo caso i giovani, in linea con lo spirito dell’iniziativa “riparti con Eni”. Per i ragazzi di età compresa tra i 14 e i 24 anni, Eni ha ideato anche la carta fedeltà young&eni che permette di accumulare punti facendo rifornimento nelle Eni station aderenti e con acquisti presso gli esercizi commerciali che espongono i marchi CartaSi o Mastercard. Il progetto vive completamente sul web (youngandeni.com) e ha la sua official page su Facebook.

di Stefano Lucchini*
 

Voglio prima di tutto salutare e ringraziare il presidente della Triennale che dà vita con noi a questa iniziativa, i rettori delle università che hanno aderito e naturalmente gli studenti, destinatari e protagonisti del nostro progetto.

L’operazione che vi presentiamo nasce attorno ad una parola: innovazione. E’ una parola con cui, in Eni, abbiamo una grande familiarità. E’ un concetto che in qualche modo ci appartiene e segna il modo in cui operiamo nei diversi settori della nostra attività dalla perforazione, alla ricerca di nuove fonti energetiche, fino alla formazione e alla cultura. A partire da qui, dall’innovazione, abbiamo provato ad immaginare un progetto che avesse al centro gli studenti, la loro necessità di formazione, la loro giusta curiosità. Abbiamo pensato che dare un’opportunità, alla loro formazione potesse dare un contributo importante alla loro crescita e al loro percorso verso il mondo del lavoro. A questo abbiamo aggiunto una considerazione sulla crisi che stiamo attraversando, difficile per tutti, ma tanto di più per un giovane studente che a fine mese deve far quadrare il bilancio.
Sono temi che ci stanno a cuore. Ricorderete certo tutti l’operazione di quest’estate “riparti con Eni”, con lo scontone sui carburanti in ogni weekend.

Da allora sono nate altre iniziative commerciali e non solo, che cercano di venire incontro ai bisogni degli italiani, in questo momento difficile, con  sconti e vantaggi straordinari. Anche riservate ai giovani come  le carte “young and eni”.
In questa direzione va anche il progetto che oggi vi presentiamo, l’eni-Tcard. Con questa carta 90.000 studenti di 29 università e scuole di Alta formazione comprese nel quadrilatero Milano, Torino, Bologna, Verona iscritti a facoltà o corsi che sviluppano la creatività, potranno accedere gratuitamente  a tutte le mostre di Triennale e al Triennale Design Museum. Potranno in sostanza migliorare e consolidare la loro formazione muovendosi in uno spazio che è nato per ospitare la creatività e il design, potendo approfondire e analizzare aggiungendo tasselli di conoscenza a quanto già sanno.

Sono convinto che la formazione sia una delle strade che ci porterà fuori dalla crisi. La formazione è conoscenza, è specializzazione ed è una leva straordinaria per crescere. E’ importante durante tutta la vita ma è fondamentale quando ancora non ci si è confrontati con il mondo del lavoro. E’ quello che vi rende competitivi, è il vostro patrimonio più grande, insieme al vostro talento. Eni è presente nel mondo della scuola e dell’Università da molto tempo. Ed è presente con progetti che hanno l’obiettivo di aggiungere un tassello alle competenze dei ragazzi, un modo per aggiungere, come si direbbe, frecce al loro arco. Bisogna aver molte di frecce, oggi più che mai, perché la competizione nel mondo del lavoro è fortissima e combattuta su un campo che ormai non ha più confini.
Chi immagina il proprio percorso professionale nel mondo della creatività spesso si illude di poter contare solo sul talento. Questo è vero, ma solo in parte. Senza talento manca, per così dire, il mezzo. Ma il carburante che alimenta questo mezzo, credetemi, è la conoscenza, lo studio, l’approfondimento, il confronto. E’ importante che abbiate molto di questo carburante per intraprendere il viaggio. E’ necessario che le vostre idee entrino in relazione con altre idee, soprattutto con quelle di chi vi ha preceduto e ha segnato alcune tappe fondamentali nella grande storia della creatività italiana.

Il made in Italy continua ad essere oggi, in tempo di crisi, una delle scialuppe di salvataggio della nostra economia con un contributo intorno al 20% del PIL.  Il saper fare degli italiani è una qualità che ci viene riconosciuta all’estero, rappresenta un modello, segna i cambiamenti di stile, le novità, le discontinuità. E’ perché il made in Italy si presenta da sempre come un concetto in grado di veicolare un valore aggiunto, una qualità forte, un “matrimonio”  tra bello e funzionale. Voi ragazzi siete chiamati ad essere ambasciatori di tutto questo.

E aggiungo che è con particolare piacere che lanciamo questo progetto in una realtà milanese. Siamo nati a Milano, sessant’anni fa, e abbiamo mosso i nostri primi passi in questo territorio. E anche oggi, che siamo presenti in tutto il mondo, Milano continua ad essere “la testa” delle nostre strategie. Ma Milano è anche un terreno straordinario per lanciare iniziative culturali. E’ una città curiosa e reattiva, pronta a riconoscere operazioni di qualità. Le iniziative lanciate su Milano hanno sempre un grande riscontro e molto pubblico: dall’esposizione di Natale a Palazzo Marino all’apertura gratuita dei Musei Civici quest’estate.
Ci auguriamo quindi, con gli amici della Triennale, di vedere tanti ragazzi popolare gli spazi di questo straordinario contenitore di cultura alla ricerca di stimoli, di idee, di conoscenza.


*Relazioni Internazionali e Comunicazione - Senior Executive Vice President ENI
(discorso tenuto alla Triennale di Milano)

Tags:
innovazione eni






A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.