A- A+
Milano
L'allarme di don Rigoldi sul carcere Beccaria: "Sta andando in pezzi"

Un nuovo direttore, almeno una decina di agenti penitenziari e, "urgentissimo, parlare di ció che avviene dei tanti che, appena usciti, finiscono nel nulla". Sono le esigenze maggiori del carcere minorile Beccaria spiegate dal suo cappellano don Luigi Rigoldi, interpellato stamani a radio popolare sulla situazione.

"Quando il personale è stressato una roba da nulla diventa dramma: oltre ad un nuovo direttore sono necessari qualche agente in piú e il tempo di fermarsi a ragionare sulla loro formazione" ha aggiunto, spiegando che invece "gli spazi ci sono, anche se da sistemare".

"Metà della struttura sta andando a pezzi, non si riesce ad andare in chiesa, andare in portineria è pericoloso, le camere dei ragazzi sono brutte e il cortile un letamaio- ha concluso - ma il problema più grosso è 'il fuori': a fare il disoccupato a Quarto Oggiaro si sa cosa si rischia". Con Fondazione Cariplo in tal merito c'è un progetto per intercettare "i tanti spariti appena usciti. Parlare di questo problema è urgente".

Tags:
don rigoldi






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.