A- A+
Milano
L'impresa del leghista Ciocca: porta i disoccupati in Libia

Sono salpati poco dopo le ore 16:00 di venerdì 23 maggio con direzione coste africane i cinque disoccupati italiani accompagnati dal Consigliere di Regione Lombardia Angelo Ciocca. Un viaggio nel Mediterraneo che avrà una rotta opposta rispetto a quelle avvenute negli anni sulle coste Italiane, ma con la stessa speranza di un futuro migliore se paragonato a quello che offre oggi il nostro Paese.

Determinati ma anche preoccupati per le condizioni del mare, i naufraghi italiani hanno rilasciato alcune dichiarazioni prima della partenza: “Governo e Istituzioni - spiega Ciocca - non hanno la minima percezione della realtà e men che meno della disperazione dei nostri connazionali che ha oramai raggiunto limiti insostenibili. L’immigrazione indiscriminata degli ultimi anni ha peggiorato le condizioni di vita di milioni d’italiani, i quali, si trovano oggi respinti da una società che anziché aiutarli favorisce scafisti e criminali che controllano il traffico dei clandestini. Lampedusa è il nostro porto di partenza, esattamente come lo sono quelli delle coste di Libia, Algeria e Tunisia. Per noi quelle saranno invece le nostre mete finali. Chiederemo gli stessi trattamenti che sono riservati ai loro profughi qui da noi: condizioni di vita migliori, un alloggio, un lavoro e la garanzia della tutela dei nostri diritti compresi quelli religiosi e d’integrazione”.

Intervenuto telefonicamente pochi minuti prima della partenza il primo Consigliere dell’Ambasciata italiana in Tunisia ha chiesto al gruppo di non sbarcare in Tunisia. Gli sbarchi dei tunisini in Italia sono infatti diminuiti grazie agli accordi presi dall’allora Ministro dell’Interno Roberto Maroni. Le ultime informazioni confermano rotta verso la Libia.
Le condizioni del mare di oggi sono: mare mosso con vento forza 6 nodi direzione NNE. La determinazione e la disperazione dei nostri connazionali saranno seguite con le difficoltà nelle comunicazioni nel corso dell’attraversata. Seguiranno aggiornamenti appena disponibili.

Tags:
impresa ciocca







A2A
A2A
i blog di affari
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.