A- A+
Milano

L'influenza 'colpisce' anche le imprese: infatti il costo stimato per 13 settimane, dallo scorso 17 ottobre al 13 gennaio, è già di circa 136 milioni di euro, pari a quasi un milione e trecentomila giorni persi in malattia. Un dato che considera gli occupati italiani costretti a letto, tra imprenditori e lavoratori, per una media di tre giorni di convalescenza a testa ed esclude il costo del week end. Considerando gli addetti influenzati, Milano ha un costo di 9 milioni di euro e quasi 80 mila giorni di malattia, a cui si aggiungono per l'area di Monza e Brianza 2,5 milioni di euro con 21mila giorni di malattia. Tra le province più colpite c'è Roma con 10,9 milioni e 95 mila giorni persi. Seguono Torino (5,8 milioni di euro per 53 mila giorni), Napoli (4,2 milioni di euro) e Brescia (3,4 milioni di euro). Tra le province più "colpite" anche Bergamo, Bologna, Firenze, Varese e Verona che superano tutte i 2 milioni di euro di costi. E' quanto emerge da una stima della Camera di Commercio di Milano e della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Istat e Ministero della Salute considerando un'incidenza del virus uguale nelle diverse province. Il maggior numero di occupati (oltre 102 mila) si è ammalato durante la seconda settimana di gennaio 2013, quasi il 40% in più rispetto alla settimana precedente.

Tags:
influenza imprese






A2A
A2A
i blog di affari
Luoghi dell’anima: le “piccole case” di Bruno Messina
di Mariangela Turchiarulo
FSBA: ANNULLATE LE SENTENZE DEL TAR DEL LAZIO
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.