A- A+
Milano

di Fabio Massa

Premettiamo che i mariuoli (come Craxi definì Mario Chiesa) devono finire in carcere. Premettiamo che in Italia il crimine va perseguito e che contro la corruzione si fa troppo poco. Premettiamo che su Expo bisogna tenere l'attenzione davvero molto alta. Premettiamo che forse ritenere idoneo Angelo Paris (il manager arrestato) per una "promozione" a direttore generale (come rivelato da Affari) e non ritenere idoneo un ex magistrato e ministro delle Infrastrutture come Antonio Di Pietro puzza di esclusione politica. Premettiamo che rivedere Primo Greganti (che già qualcuno sul web ironizza essere "Secondo" Greganti) e Frigerio dà una sensazione clamorosa di deja vu, come se venti e passa anni non fossero mai trascorsi. Premettiamo che in una sola giornata vedere Scajola in manette, l'ex braccio destro di Penati arrestato, Previti nelle carte di un'inchiesta (non indagato), fa di certo molto effetto. Ecco, premesso tutto questo: ma perché ogni volta che c'è un grande evento in Italia (il Toroc per le Olimpiadi di Torino lo dimostra), arrivano ondate di arrestati e indagati (e poi - e anche qui il caso Toroc insegna - molti vengono assolti o prosciolti)? Davvero siamo "unfit" a gestire qualunque cosa che sia più impegnativa di una sagra di paese? Oppure quando si parla di grandi opere scatta automatica la caccia alle streghe?

@FabioAMassa

Tags:
milano commento






A2A
A2A
i blog di affari
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano
Frutta secca: benefici e quando mangiarla
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.