A- A+
Milano

 

mariateresabaldini

di Fabio Massa

"Ma veramente potete pensare che Bossi lasci stare la sua creatura? Perché, una mamma può lasciare il figlio?". A parlare è l'ultima bossiana di Regione Lombardia. "Bossiana per modo di dire - spiega ad Affaritaliani.it la consigliera del Pirellone Maria Teresa Baldini, chirurga oncologa, ex stella del basket - Perché io sono stata eletta nella lista civica per Maroni presidente, e non ho mai avuto tessere di partito. Di certo però Bossi ci ha sempre visto lungo e ha sempre parlato senza diplomazia".

Quindi? "Quindi se Umberto dice che le cose non vanno, magari sbaglia i tempi e i modi, però ci ha visto giusto". E Maroni? "Farebbe meglio ad ascoltarlo. Perché senza Bossi perdiamo, questo è certo. Ma ci rendiamo conto che quest'uomo, malgrado tutte le malattie, è ancora in campo?". L'ostracismo contro i "bossiani" doc non pare spaventarla. "Macché spavento. Io sono una persona abituata alle sfide, e soprattutto mi piace lavorare duro per un'idea, per un ideale. L'idea di Bossi degli anni '90 era geniale, e io sono rimasta là. Dico quel che penso senza pormi nessun tipo di problema. Certo, mi dispiace che i due litighino. Ma sono amici, e se sono ancora insieme dopo tanti anni, qualche cosa vorrà pur dire, no? E poi mi pare che Maroni, alla fin fine, a Bossi lo ascolti ancora".

@FabioAMassa

Tags:
bossiana regione lombardia






A2A
A2A
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.