A- A+
Milano

 

mariateresabaldini

di Fabio Massa

"Ma veramente potete pensare che Bossi lasci stare la sua creatura? Perché, una mamma può lasciare il figlio?". A parlare è l'ultima bossiana di Regione Lombardia. "Bossiana per modo di dire - spiega ad Affaritaliani.it la consigliera del Pirellone Maria Teresa Baldini, chirurga oncologa, ex stella del basket - Perché io sono stata eletta nella lista civica per Maroni presidente, e non ho mai avuto tessere di partito. Di certo però Bossi ci ha sempre visto lungo e ha sempre parlato senza diplomazia".

Quindi? "Quindi se Umberto dice che le cose non vanno, magari sbaglia i tempi e i modi, però ci ha visto giusto". E Maroni? "Farebbe meglio ad ascoltarlo. Perché senza Bossi perdiamo, questo è certo. Ma ci rendiamo conto che quest'uomo, malgrado tutte le malattie, è ancora in campo?". L'ostracismo contro i "bossiani" doc non pare spaventarla. "Macché spavento. Io sono una persona abituata alle sfide, e soprattutto mi piace lavorare duro per un'idea, per un ideale. L'idea di Bossi degli anni '90 era geniale, e io sono rimasta là. Dico quel che penso senza pormi nessun tipo di problema. Certo, mi dispiace che i due litighino. Ma sono amici, e se sono ancora insieme dopo tanti anni, qualche cosa vorrà pur dire, no? E poi mi pare che Maroni, alla fin fine, a Bossi lo ascolti ancora".

@FabioAMassa

Tags:
bossiana regione lombardia







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.