A- A+
Milano
duomo restauro film 7

11.700 mq di superficie interna, 3.400 statue, 200 bassorilievi e oltre 3.600 personaggi nelle 55 vetrate, 135 guglie e 96 doccioni: sono questi i numeri del Duomo di Milano. Simbolo della Città in tutto il mondo, patrimonio dei milanesi e dell’umanità, esso esprime, nella sua grandiosità, la tensione dell’Uomo verso il Divino, coinvolgendo tutte le generazioni in un impegno senza fine. Sì, perché il racconto del Duomo è quello di una storia senza tempo, trasmessa di generazione in generazione come il testimone di una staffetta che va incontro al futuro. Con questo spirito, la Veneranda Fabbrica del Duomo, storica istituzione fondata nel 1387 da Gian Galeazzo Visconti, è da sempre impegnata, con grande senso di responsabilità, nella sua salvaguardia, provvedendo alla manutenzione, al reperimento delle risorse necessarie al restauro del Monumento. Le celebrazioni per i 1700 anni dell’Editto di Costantino e la grande sfida di Expo2015, richiedono nuove e straordinarie energie.

Scopo dell’esposizione “Cronaca di un Cantiere: i grandi lavori della Fabbrica”, che sarà allestita dalla Veneranda Fabbrica del Duomo in collaborazione con l’Urban Center del Comune di Milano presso lo spazio di Galleria Vittorio Emanuele II, dal 26 marzo al 15 aprile 2013, è quello di dipingere un affresco di Milano attraverso la storia della Fabbrica, attraverso testi e immagini che ne raccontino l’incessante opera quotidiana.

La conferenza stampa di presentazione si terrà Martedì 26 Marzo 2013 alle ore 13.00 presso l’Urban Center Milano di Galleria Vittorio Emanuele II, con gli interventi dell’Avv. Ada Lucia De Cesaris, Vice sindaco di Milano, del Prof. Angelo Caloia, Presidente della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano e di Mons. Gianantonio Borgonovo, Arciprete del Duomo di Milano.

«Milano è una città dove il nuovo avanza quotidianamente e dove, simboleggiata da nuove forme architettoniche, si modella una società sempre in movimento. Il Duomo che non la domina più in altezza, la domina oggi più che mai per i richiami d’ordine religioso, civile e culturale. La storia della Cattedrale e della sua Fabbrica è impressa nelle genti, nella cultura e nella mentalità. Per questo merita di essere raccontata» – sono queste le parole del Prof. Angelo Caloia, Presidente della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano - «Con l’inaugurazione del Museo del Duomo e con il riallestimento del preziosissimo Archivio della Fabbrica, a cui stiamo lavorando con grande impegno, la Fabbrica offre questi doni a Milano, rendendo pienamente fruibile e accessibile un grande patrimonio, preziosa lente attraverso cui leggere la nostra storia e, soprattutto, la nostra contemporaneità».

La Fabbrica vive attraverso Milano e Milano vive attraverso la Fabbrica. E se la bellezza è valore, riportare il Monumento al suo splendore, opera che comporta l’esigenza di reperire sempre nuove risorse, significa riconoscere l’importanza del Duomo, anche da un punto di vista economico. «El noster Domm l’è la cà de Milan: sono parole di Emilio De Marchi. La cattedrale è l’anima di Milano, in quanto la comunità cristiana latina celebra in essa i santi misteri» – dichiara Mons. Gianantonio Borgonovo, Arciprete del Duomo di Milano - «Vorrei che lo fosse anche perché nella Scuola della Cattedrale potrebbero trovare sintesi le molte attività culturali che in essa fioriscono (visite artistiche del monumento, nuovo Museo, Archivio della Fabbrica in tutte le sue sezioni, Archivio e Biblioteca capitolari, cicli di conferenze…) e che da essa si dipartono in un network che avvolge non solo la città, ma anche il territorio che gravita sulla metropoli e, attraverso le possibilità offerte da internet, agganciare a questo nodo culturale gli utenti di tutto il mondo».

Immagini, testi, storia del Duomo e piccole storie di chi ha innalzato la Cattedrale, frutto della generosità di tutti i milanesi, alcune sculture create dall’arte sapiente tutt’ora tramandata dalla Fabbrica, preziose testimonianze dall’Archivio, da Leonardo da Vinci al terzo millennio, ma anche aneddoti e curiosità, sono tutti tasselli preziosi di un mosaico la cui bellezza cresce nei secoli.

L’esposizione prevede il seguente ciclo di tre incontri:
 

MERCOLEDÌ 27 MARZO 2013, ORE 18.
“IL RIALLESTIMENTO DELL’ARCHIVIO DELLA VENERANDA FABBRICA DEL DUOMO DI MILANO”
Interventi: PHILIPPE DAVERIO, Università degli Studi di Palermo; MONS. GIANANTONIO BORGONOVO, Arciprete del Duomo di Milano; STEFANO MARIA MALASPINA, Archivista della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano.

MARTEDÌ 2 APRILE 2013, ORE 18.
“IL GRANDE MUSEO DELLA VENERANDA FABBRICA DEL DUOMO DI MILANO”
Interventi: GUIDO CANALI, Studio Canali e associati, progettista del Nuovo Grande Museo della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano; MONS. GIANANTONIO BORGONOVO, Arciprete del Duomo di Milano, GIULIA BENATI, Direttore Conservatore del Grande Museo della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano.

LUNEDÌ 8 APRILE 2013, ORE 18.
“I GRANDI LAVORI DELLA FABBRICA: DA CANDOGLIA AI CANTIERI DELLA CATTEDRALE”.
Interventi: CARLO MONTI, Politecnico di Milano; LEONE MARIA CORRADI DELL’ACQUA, Consigliere della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano; BENIGNO MÖRLIN VISCONTI CASTIGLIONE, Architetto della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano.

L’ingresso è libero e aperto a tutti, dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00.

Tags:
fabbrica duomo






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.